Moviola

Vedi Tutte
Moviola

La Moviola: derby recupero giusto, disastro Maresca-Mazzoleni

Il pareggio del Milan è regolare: giusti i 7 minuti e 20 secondi di recupero. 

Sullo stesso argomento
1 di 3

di Edmondo Pinna

domenica 16 aprile 2017 09:46

ROMA - Certo, chi guida gli arbitri dovrebbe essere più oculato con le designazioni: anche senza il rinvio di 24 ore per i fatti di Dortmund, scegliere un arbitro che ha fatto un quarto di Champions il mercoledì per un derby come quello di Milano al sabato è un mezza follia. [...]

ORSATO

INTER-MILAN 2-2

IL RECUPERO - Partiamo dalla fine, però, e da quel gol di Zapata, certificato dalla Gol Line Technology (pensate cosa sarebbe successo senza l’innovazione fortemente voluta da Tavecchio - e che i vertici dell’Aia osteggiarono all’inizio - vista la già esistente polemica sul recupero) che arriva dopo 6’39” dalla fine del tempo regolamentare. Ovviamente parliamo del cronometro della partita e non quello dell’arbitro, che è l’unico ufficiale e che, proprio nel recupero, “conteggia” i minuti effettivi. In caso di sostituzioni, infortuni con intervento dei medici, o altri casi evidenti - per capirci, non sul pallone dentro o fuori - il cronometro (del IV uomo) di ferma e riprende quando riprende il gioco. Partendo da queste regole (riassunte nella regola numero 7), arriviamo alla quantificazione del recupero... del recupero. Orsato segnala al quarto Meli 5 minuti di recupero. Ma subito dopo, Pioli opta per il cambio. Bene, dopo 52” si vede chiaramente Orsato dire «fino a quando il gioco non riprende, i 5’ non partono». Il gioco riprende con una rimessa laterale (di D’Ambrosio) dopo 1’2”, dunque siamo già a 6’02” e non più 5’ di recupero sul cronometro tv. E quando questo segna 49’12”, arriva il fallo (siamo sull’arancione forte) di Locatelli su Nagatomo. Dunque stop, medico in campo e si riprende con il cronometro tv a 50.28”, dunque 1’18” di interruzione (e qui arriva la comunicazione alle panchine dell’ulteriore recupero: “Da qui si giocano altri....”). Due conti: 1’2” più 1’18” fa 2’20” da aggiungere ai 5’ di recupero. Totale 7’20”, dunque 52’20”. Il gol è arrivato al 51’39”...

I RIGORI - Diversi gli episodi nelle due aree, c’è un solo neo, davvero difficile da rilevare. Allora, il primo a cadere è Kucka, il contatto con Gagliardini è lievissimo, c’è pure un tocco di... Orsato, poi il rossonero cadendo prende il pallone con la mano e per questo arriva il giallo. Va giù anche Bacca ed anche lui chiede il rigore, Orsato gli fa solo cenno di proseguire. E lui prosegue. Altro corpo a corpo D’AmbrosioDeulofeu, non ci sono azioni fallose evidenti. Non lo è stato, evidente, se non in tv, il tocco con il braccio sinistro largo di D’Ambrosio sul pallone, dopo la contesta in salto con Lapadula (da verificare, nel caso, l’avambraccio del rossonero sulla schiena dell’avversario), ma qui poteva starci il rigore.

GOL REGOLARE - Regolari le reti segnate. C’era, soprattutto da verificare la bontà del gol che ha sbloccato la partita di Candreva: l’esterno della Nazionale è tenuto in gioco da De Sciglio, al momento del lancio lungo di Gagliardini, bravo l’assistente Di Fiore.

Sfoglia per la moviola di Genoa-Lazio

La Moviola: derby recupero giusto, disastro Maresca-Mazzoleni
© ANSA

1 di 3

Articoli correlati

Commenti