Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Lazio

Vedi Tutte
Lazio

Serie A, una Lazio da applausi frena la corsa della Juve

© Bartoletti

Finisce 1-1 all'Olimpico. I biancocelesti vanno avanti con Candreva su calcio di rigore (espulso Buffon nell'occasione) ma poi si fanno agguantare nella ripresa da Llorente (60'). Poi pali Klose e Keita, ma il risultato non cambia: bianconeri a +9 sulla Roma

 Francesco Tanilli

sabato 25 gennaio 2014 23:41

ROMA - La Lazio ferma la Juve: finisce 1-1 all'Olimpico con i biancocelesti che sfiorano in più di un'occasione la rete del 2-1 ma che alla fine devono accontentarsi del pari. I bianconeri, inoltre, giocano 65' in 10 per l'espulsione di Buffon, in occasione del rigore poi segnato da Candreva (27'), ma in campo è una differenza che non si vede soprattutto con un secondo tempo da grande squadra che per poco non regala il successo agli uomini di Conte. Nella ripresa ci pensa prima Llorente (60') ad evitare la sconfitta e poi è Tevez ad andare vicino al gol del successo. Poi la reazione della Lazio con i due legni clamorosi con Klose e Keita che lasciano, anche ai biancocelesti, l'amaro in bocca. Insomma alla fine è un pareggio giusto che comunque interrompe la striscia di 12 successi consecutivi della Juve che, per ora, sale a +9 sulla Roma al secondo posto, mentre resta invariato a 12 punti il distacco sul Napoli.

LE FORMAZIONI, FUORI PIRLO - In avvio Reja esclude Marchetti in porta preferendo Berisha mentre in difesa si rivede Konko dopo i problemi fisici delle scorse settimane e Cana completa il pacchetto di centrali con Biava e Dias. A centrocampo Biglia-Ledesma tandem centrale mentre in attacco Candreva ed Hernanes sono a supporto di Klose. Conte, invece, esclude Pirlo mentre lascia invariata la formazione tipo vincente da 12 partite consecutive.

PRONTI VIA, RITMI BASSI - Nei primi minuti la partita è molto bloccata: la Juve attacca a pieno organico mentre la Lazio è molta attenta su tutte le linee di passaggio rendendo impossibile ai bianconeri creare occasioni da gol importanti. Al 14' la grande opportunità capita ai padroni di casa: retropassaggio di Barzagli per Buffon che però sbaglia nettamente il rinvio e Klose intervenendo in pressing va vicino al vantaggio. La palla finisce a lato, ma che rischio per il portiere bianconero.
BUFFON ESPULSO, CANDREVA GOL - Al 24' poi l'episodio che cambia la sfida dell'Olimpico: lancio di Konko dalla trequarti per Klose, Ogbonna manca clamorosamente il pallone e il tedesco ne approfitta subito agganciando e facendosi stendere da Buffon. Rosso e rigore per l'arbitro Massa che non ha dubbi nell'occasione. Dal dischetto al 27' non sbaglia Candreva che sblocca il risultato. Conte corre subito ai ripari e toglie Asamoah inserendo Storari. Al 36' reazione della Juve che per la prima volta si fa vedere nell'area di rigore della Lazio: Tevez si libera bene sulla destra, crossa al centro dove Llorente riesce a controllare e girare in porta ma Berisha blocca a terra in grande sicurezza. In chiusura di primo tempo, poi, altre proteste per la Lazio che reclama un altro rigore. Il lancio per Hernanes all'interno dell'area è perfetto ma l'intervento del centrocampista biancoceleste è stoppato con una mano di Bonucci. Ci potrebbe stare un altro rigore, ma questa volta Massa decide di non fischiare e lascia proseguire il gioco.

REAZIONE JUVE - Alla ripresa delle operazioni nessun cambio per Reja e Conte che dunque ripartono con gli stessi uomini del primo tempo. Nei primi minuti la partita non cambia scenario rispetto al primo tempo: Juve a creare gioco, Lazio attenta in difesa a non lasciare spazi. Al 58' grande azione della Lazio che con Hernanes fa ripartire il contropiede, poi l'appoggio su Klose che a sua volta apre per Biglia che serve Candreva dal limite, ma la sua conclusione è alta. Al 60' però la Juve punge e trova il pareggio con grande caparbietà e determinazione. Tevez protegge bene il pallone al limite dell'area poi serve Lichtsteiner a destra che crossa perfettamente per Llorente che di testa supera Berisha con uno stupendo pallonetto. Al 62' nuova occasione per la Juve che sfiora il vantaggio: Llorente stoppa al limite dell'area, appoggio per Vidal che serve Tevez all'interno dell'area di rigore. L'argentino prova il destro ma Berisha è attento e devia in calcio d'angolo. Al 65' risposta della Lazio: Candreva parte in contropiede e cambia gioco per Hernanes. Il brasiliano arriva al limite dell'area e prova il tiro a giro ma la palla va sul fondo di pochissimo.

ASSALTO LAZIO, SOLO DUE PALI - Al 65' arriva il primo cambio per Reja che leva Cavanda per inserire Gonazalez. La sotituzione dà più brillantezza alla corsa dei biancocelesti che fanno più filtro a centrocampo dando meno opportunità ai bianconeri. Al 31' poi incredibile occasione per la Lazio: cross perfetto di Ledesma per Klose che colpisce la palla in pieno ma Storari devia sulla traversa con un intervento prodigioso. La Juve non riesce più a produrre il gioco di inizio ripresa e la Lazio al 41' si mangia ancora le mani per un'altra incredibile occasione mancata causa sfortuna. Klose serve in velocità Keita, appena subentrato a Candreva, il giovane attaccante arriva al limite dell'area di rigore e prova il tiro a giro che finisce sul palo. Poi blocca Storari impedendo il facile tap-in. Nei minuti finali non succede più a e le due squadre si dividono la posta in palio.

EMOZIONI FINALI CONTROVERSE - Resta l'amaro in bocca alla Lazio per aver sprecato una grande opportunità con la Juve in 10 uomini e il vantaggio per 1-0 ma anche il grande orgoglio di aver interrotto la striscia delle 12 vittorie consecutive. Per quanto riguarda la Juve il rammarico di aver sprecato un tempo e non aver potuto affrontare, causa errore di Ogbonna e Buffon, la sfida dell'Olimpico contro la Lazio in parità numerica.

Francesco Tanilli
Twitter: @FrancescoTa81
  

Per Approfondire