Serie A

Vedi Tutte
Serie A

Juventus, Dybala: «Higuain, ti batterò»

Juventus, Dybala: «Higuain, ti batterò»
© LaPresse

«Io e Gonzalo siamo amici, ci scambiamo messaggi ma gliel’ho detto: quando il Napoli verrà a Torino...»

Sullo stesso argomento

 

martedì 26 gennaio 2016 08:59

VINOVO - Un'altra perla di Paulo Dybala nel romanzo avvincente dello scudetto, dodicesimo gol in questo primo campionato bianconero. Un'altra prodezza del giovane fenomeno argentino che continua a incantare con il suo sinistro magico. Così i paragoni con altri campioni connazionali del passato e del presente, da Sivori a Messi, si sprecano.

Dybala, lei si sente il nuovo Messi?
«Io cerco sempre di essere me stesso, cerco di crescere ogni giorno attraverso l’impegno e il lavoro, poi sono pochi i giocatori che arrivano al livello di Messi. Per tutto quello che ha dimostrato, lui è difficile da raggiungere. Però uno cerca di dimostrare sempre di poter fare bene per la propria squadra ed è quello che io provo a fare in ogni partita. E poi Leo non l'ho ancora conosciuto, quando sono stato convocato in Nazionale lui non c'era. Sarà difficile diventare come Messi, mi accontenterei anche solo di assomigliargli un po'. In Argentina mi dicevano che ricordavo Aguero nei movimenti».

Con la Roma ha confezionato un altro gran gol.
«E' stato difficile perché ero in una posizione chiusa e non avevo tante possibilità. Ho cercato di calciare il più veloce possibile e per fortuna ho preso il tempo al portiere».

[...]

La corsa scudetto è segnata dal duello tra lei e Higuain, sensazioni?
«Mi fa piacere perche Gonzalo è un attaccante argentino come me. L'ho ammirato quando sono andato in Nazionale, sono consapevole di quello che può fare e di quello che sta facendo. Lui è fortissimo, lo ha dimostrato anche al Real Madrid, vincendo tanti trofei, e lo sta dimostrando ora al Napoli. Mi fa piacere che segni, speriamo non lo faccia contro di noi...».

Siete amici?
 «Sì, ci siamo sentiti anche sabato sera, abbiamo parlato un po', gli ho augurato il meglio ma gli ho detto che quando vengono qua...».

Leggi l'intervista completa sull'edizione digitale del Corriere dello Sport-Stadio

Articoli correlati

Commenti