Serie A

Vedi Tutte
Serie A

Serie A, Napoli-Milan 1-1: Bonaventura risponde a Insigne 

Serie A, Napoli-Milan 1-1: Bonaventura risponde a Insigne 
© ANSA

La Juventus resta in testa al campionato. Finisce pari al San Paolo

Sullo stesso argomento

dal nostro inviato Davide Palliggiano

lunedì 22 febbraio 2016 22:07

NAPOLI - Operazione sorpasso fallita. Il Napoli non riesce a battere il Milan e resta a -1 dalla Juventus. Al San Paolo finisce 1-1: un risultato che non accontenta gli azzurri, che vedono avvicinarsi la Fiorentina e le altre inseguitrici, ma anche Mihajlovic, che aveva promesso una vittoria a Berlusconi. Ne esce fuori una partita monocorde, ma la sensazione è che in Serie A più di qualcuno abbia capito come arginare la squadra di Sarri (allontanato nel finale per proteste).



KUCKA C'È - Sarri schiera il solito 4-3-3 con i titolarissimi, Mihajlovic ritrova Kucka al posto di Bertolacci a centrocampo nel 4-4-2. Tra i pali del Milan c'è Donnarumma, nato a Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli.

TUTTI GIÙ PER TERRA - Tacchetti sbagliati o campo troppo inzuppato, non si sa. Sta di fatto che i giocatori scivolano spesso. Nonostante tutto, il Napoli fa la sua partita sin dall'inizio: tanto possesso palla e Milan chiuso in 20-25 metri, corto come vuole Mihajlovic. Pronti-via e Montolivo rischia l'autogol su cross dalla sinistra di Ghoulam. Poi Koulibaly toglie le castagne dal fuoco quando interviene su Niang al limite dell'area di rigore, dopo che il francese aveva saltato secco Albiol a centrocampo.   Quando riparte, almeno nei primi 15 minuti, il Milan fa sempre paura alla difesa azzurra. Niang fa quasi l'esterno basso e Bacca rimane spesso da solo. Kucka, però, vince il derby slovacco con Hamsik e il capitano azzurro non trova quasi mai spazio. Insigne chiede un rigore per un fallo di Abate (9'), poi Bonaventura si beve due avversari, ma viene interrotto da Albiol sul più bello. Quindi, è un monologo azzurro. Insigne, Higuain e Callejon ci provano in tutti i modi, ma se Donnarumma non deve effettuare nessuna parata in particolare sul Pipita deve ringraziare principalmente Alex e Zapata, mentre Antonelli da un lato e Abate dall'altro controllano bene lo spagnolo e l'italiano.

INSIGNE, POI BONAVENTURA - Per sbloccare la partita, ci vuole quindi un pizzico di fortuna. La dea bendata è generosa da ambo le parti: a ringraziarla è prima il Napoli (39') quando il tiro a giro di Insigne riceve la "giusta" deviazione di Abate, che beffa Donnarumma sul secondo palo. Poi è il turno del Milan, che al 44' trova il pari grazie a un inserimento di Bonaventura dopo il cross di Honda e la deviazione di Koulibaly. 

MERTENS, CHE PALO! - Il secondo tempo è uguale al primo: il Napoli ha il possesso palla, il Milan si trincera nella propria metà campo sperando nelle ripartenze. Sarri prova a dare la scossa al 65': fuori Callejon, dentro Mertens. Il belga ci mette solo 2 minuti a farsi notare, quando su cross basso di Hysaj prende in pieno il palo alla destra di Donnarumma. Le ripartenze rossonere, però, tardano ad arrivare e Mihajlovic prova a cambiare il corso delle cose con Menez, al posto di Bacca. Sarri si innervosisce per alcune decisioni arbitrali a centrocampo e Banti lo allontana per proteste (74'). Lo stesso Higuain, spesso spalle alla porta, si intestardisce.  Il Napoli, però, vuole vincerla ed è per questo che all'80' entra pure Gabbiadini, ma al posto di Allan. Il Pipita sfiora il gol su cross di Ghoulam. Mihajlovic toglie Montolivo e mette dentro Bertolacci (82'). E da una palla recuperata dal centrocampista romano parte un contropiede che Niang sfrutta malissimo, sparando di sinistro in fallo laterale.

ENTRA BALOTELLI - L'occasione mancata dal francese manda su tutte le furie Mihajlovic, che lo sostituisce con Balotelli (87'). Super Mario fa quello che gli viene chiesto, tiene palla e fa salire la squadra: ne nasce un'occasione per Honda, che di sinistro impegna Reina. Sarri prova anche la carta El Kaddouri (per Insigne) al 90'. Il centrocampista azzurro avrebbe anche la palla della vittoria, ma tira addosso a Donnarumma (92'), così come Higuain, a secco per la seconda giornata di fila. Finisce così, con il Milan che strappa un punto al San Paolo e il Napoli che fallisce il sorpasso. Resta tutto intatto, lì in vetta c'è sempre la Juve.

NAPOLI-MILAN 1-1: STATISTICHE E TABELLINO

CLASSIFICA

CALENDARIO

CLASSIFICA MARCATORI

Articoli correlati

Commenti