Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Serie A

Vedi Tutte
Serie A

Serie A, Palermo-Lazio 0-1: E ora il derby! 

Serie A, Palermo-Lazio 0-1: E ora il derby! 
© Getty Images

Inzaghi continua a far volare la sua squadra. De Zerbi invece vede la panchina a rischio dopo l'ennesima sconfitta in casa: 7 su 7, record europeo

Sullo stesso argomento

di Valerio Minutiello

domenica 27 novembre 2016 13:30

ROMA - E ora il derby. La Lazio non fallisce: batte il Palermo 1-0 al Barbera con un gol di Milinkovic-Savic e arriva alla gara con la Roma nelle migliori condizioni. Sei vittorie (4 nelle ultime 5) e tre pareggi nelle ultime nove gare, una striscia positiva che vale il terzo posto in attesa delle altre. Il Palermo invece incassa la settima sconfitta su sette gare in casa, un record negativo in Europa. Per De Zerbi forse era l'ultimo treno, ora rischia la panchina con la squadra ferma a quota sei punti in fondo alla classifica. Immobile, che nell'ultima apparizione al Barbera aveva segnato una doppietta, resta a secco. È la terza partita senza gol per il bomber fermo a quota 9, che ora ha il derby nel mirino per andare in doppia cifra. 

SLIDING DOORS - Inzaghi torna a Palermo, dove tutto è cominciato. L'anno scorso proprio al Barbera debuttò in serie A dopo il derby disastroso che costò la panchina a Pioli: vinse 3-0 e fece ripartire la Lazio. Questa volta l'ordine delle cose è invertito: dopo Palermo, il derby.

 E non era facile giocare la partita di oggi con la mente sgombra. Lo ha ammesso lo stesso Inzaghi di pensare alla partita con la Roma da quando è tornato sulla panchina della Lazio. Ma l'allenatore in questi giorni si è concentrato solo sul Palermo e ha cercato di trasmettere questo messaggio anche alla squadra: ci è riuscito parzialmente, nel secondo tempo i suoi sono sembrati un po' distratti. L'importante comunque era portare a casa i tre punti. L'entusiasmo cresce in casa Lazio: i tifosi cominciano a tornare all'Olimpico, e in 400 sono andati a caricare la squadra a Fiumicino, in partenza per Palermo. Le condizioni ideali per preparare il derby. 

Tutto sulla 14ª giornata

TRAVERSA IMMOBILE - Inzaghi conferma il tridente vittorioso con il Genoa, con Immobile al centro, Felipe Anderson e Keita ai lati: un 4-3-3 capace di trasformarsi in 3-5-2 grazie alla duttilità di Lulic. Nel primo tempo si vede quasi solo la Lazio, che gioca a memoria e in avanti non dà punti di riferimento. All'inizio, complice forse l'orario, i ritmi non sono elevatissimi. La prima occasione arriva al 21' ed è subito clamorosa: Immobile spacca la traversa con un gran tiro al volo dal centro dell'area. La Lazio cresce e chiude il Palermo nella propria metà campo.

Tutto sulla Lazio

MILINKOVIC GOL - Al 31' arriva il gol del vantaggio, firmato da Milinkovic-Savic su assist di Basta che si infila nella difesa dormiente del Palermo. La squadra di De Zerbi non reagisce, ma riesce a chiudersi e impedire alla Lazio di chiudere la gara. Nel finale del primo tempo i padroni di casa prendono un po' di coraggio e si creano l'unica occasione del match con Nestorovski, che riesce solo a sfiorare il pallone davanti a Strakosha.

IL PALERMO CI PROVA - Nella ripresa De Zerbi toglie un Diamanti troppo nervoso e si gioca la carta Quaison. Il Palermo osa un po' di più ma lascia delle praterie dove Immobile, Keita e Felipe Anderson potrebbero fare sfracelli. Manca però la cattiveria giusta per chiudere la partita, per questo Inzaghi si sfoga dalla panchina. Il Palermo nel secondo tempo gioca decisamente meglio, anche se non impensierisce mai Strakosha. Inzaghi prova a inserire forze fresche in attacco con Djordjevic e Lombardi al posto di Felipe Anderson (che era diffidato e rischiava il derby) e Keita. All'86' Lombardi scappa via in contropiede e viene fermato con le cattive da Gonzalez: il fallo gli costa il rosso. La Lazio non riesce comunque a infliggere il colpo del ko, però porta a casa i tre punti. Ora sì, in testa c'è solo la Roma.

PALERMO-LAZIO 0-1: CRONACA, TABELLINO E STATISTICHE

Articoli correlati

Commenti