Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Serie A

Vedi Tutte
Serie A

Sorpassi e talenti: la rivincita della A

Sorpassi e talenti: la rivincita della A

La corsa allo scudetto promette brividi nelle ultime quattordici giornate. Colpi di scena anche nello sprint per la qualificazione in Champions

Sullo stesso argomento

di Stefano Chioffi

lunedì 12 febbraio 2018 08:05

ROMA -  È il campionato dei sorpassi e degli equilibri. L’Italia del pallone è fuori dal mondiale, cerca ancora un nuovo ct, non eccelle per i suoi fatturati e non rappresenta un modello a livello di politica sportiva (due commissari ai vertici della Federazione e della Lega), ma in compenso può consolarsi con una Serie A che riesce a suscitare un po' di invidia all’estero per la sua incertezza e le sue emozioni, a differenza di quanto offrono la Premier League, la Liga e la Bundesliga, la crema dell’Europa. Dopo sessant’anni, il nostro calcio sarà costretto a guardare in poltrona la Coppa del Mondo, però il fascino della A nelle zone nobili della classifica sta accendendo curiosità e interesse, rispetto alla dittatura imposta dal Manchester City, dal Barcellona (unico club imbattuto nei tornei più quotati), dal Bayern Monaco e dal Paris Saint Germain in Inghilterra, in Spagna, in Germania e in Francia. La corsa allo scudetto promette brividi nelle ultime quattordici giornate. Sabato sera il Napoli si è ripreso il primo posto, ha esibito un “tiki-taka” degno di Messi e Iniesta con un 75% di possesso-palla durante il secondo tempo della sfida con la Lazio e ha messo il timbro sulla settima vittoria in rimonta in campionato. Sarri regala spettacolo, aspetta giovedì il Lipsia in Europa League e continua a governare la classifica con un punto di vantaggio sulla Juve, che ha ottenuto dieci successi e un pareggio in undici partite subendo soltanto un gol. Numeri che rafforzano le certezze dei bianconeri, pronti ad affrontare domani sera in casa il Tottenham nell’andata degli ottavi di Champions: Higuain (cinque reti nelle ultime tre gare) contro Kane, capocannoniere della Premier con ventitré gol davanti all’ex romanista Salah, a segno ventidue volte nel Liverpool di Klopp.

Colpi di scena che la Serie A sta offrendo anche nello sprint per la qualificazione in Champions, fonte di guadagno e di prestigio. La brusca frenata della Lazio, tre sconfitte consecutive, undicesima difesa del campionato, ha contribuito a mischiare le carte. Ne ha approfittato l’Inter, uscita dal tunnel degli equivoci e in grado di soffiare a Inzaghi il terzo posto. È stato il baby Karamoh, diciannove anni, ala destra, ex Caen, francese di origine ivoriana, a restituire ai nerazzurri una vittoria che mancava da otto turni: sei pareggi e due ko. Merito anche di Eder, che ha sostituito Icardi e si è confermato una garanzia sbloccando il match con il Bologna: secondo gol di fila dopo quello al Crotone, le sue due uniche presenze da titolare. Diverte e ritrova il binario giusto per la Champions anche la Roma, che ha superato la Lazio e ora è quarta. Parte in salita contro il Benevento, si fa sorprendere in avvio da Guilherme ma poi riprende il controllo della sfida con orgoglio e razionalità, sfruttando le magie sulla fascia di Ünder, che inventa un cross da manuale per il 2-1 di Dzeko e firma la sua prima doppietta in Italia. Il turco ha vent’anni, incanta con i suoi dribbling e i suoi cambi di marcia, dimostra personalità: è una scoperta del direttore sportivo Monchi, è costato in estate tredici milioni e mezzo di euro, si era fatto conoscere nell’Istanbul Basaksehir e viene paragonato a Dybala nella nazionale guidata da Mircea Lucescu. Ünder aveva già deciso una settimana fa la partita in trasferta con il Verona: può diventare una carta preziosa per Di Francesco. E’ stato il week-end dei giovani d’oro: da Bernardeschi a Cutrone, da Zielinski a Karamoh e Ünder. È anche la Serie A dei talenti.

Classifica serie A

Calendario serie A

Articoli correlati

Commenti