Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Serie A

Vedi Tutte
Serie A

La moviola della Serie A: Guida disastroso, bene Mazzoleni

La moviola della Serie A: Guida disastroso, bene Mazzoleni

Ecco cosa hanno fatto gli arbitri nell'ultima giornata di campionato

Sullo stesso argomento

di Alberto Ghiacci

lunedì 12 marzo 2018 08:53

La moviola di Inter-Napoli 0-0

Bene Orsato, anche se il primo tempo è segnato da un dubbio. Le situazioni per le quali vengono ammoniti Allan e Gagliardini sono simili, nel senso che avvengono a centrocampo con la squadra avversaria in ripartenza. Il primo giallo è per il brasiliano del Napoli, per fallo su Icardi: giusto. Il secondo fallo, invece, è oltre il limite, nel senso che Gagliardini falcia Mertens con la gamba alta e potrebbe anche essere espulso direttamente. Orsato, però, si limita all’ammonizione del centrocampista nerazzurro. A inizio ripresa Icardi colpisce il palo di testa, ma sul traversone di Cancelo c’è Gagliardini in fuorigioco. A 5’ dalla fine, ammonito anche Albiol che in scivolata chiude Cancelo, ma il pallone gli sbatte prima sul fianco e poi finisce sul braccio.

GUIDA
CAGLIARI-LAZIO 2-2
La direzione della partita, per colpa dell’arbitro e del Var, è gravemente insufficiente. Guida ci mette di suo due errori enormi sulle situazioni più importanti, errori che si notano maggiormente ma solo perché sono i più grandi rispetto a tanti altri commessi nelle scelte su diversi falli. Tralasciando le piccole cose, quindi, ci concentriamo sui due rigori, il primo non concesso (alla Lazio) e il secondo sì (al Cagliari). Tutto sbagliato: decisioni dal vivo a pochi metri di distanza, entrata in scena o meno del Var Gavillucci, tempi di attesa. Al 27’ Immobile viene steso in area: su di lui due falli, prima Ceppitelli gli tocca la gamba e poi, a completare l’intervento di chiusura di coppia, arriva Barella che gli pesta il piede. La scelta di Guida? Niente rigore. La scelta di Gavillucci? Niente segnalazione all’auricolare dell’arbitro. L’ultima perla? Immobile ammonito per proteste. Poi la ripresa. Minuto 25, Luiz Felipe si disinteressa del pallone e allunga la gamba destra falciando Pavoletti che gli sta arrivando alle spalle: l’arbitro, da tre metri, non vede il fallo solare e fa il gesto che non c’è nulla, stavolta però arriva la chiamata del Var e dopo circa quattro minuti davanti al monitor Guida dà il rigore al Cagliari. Proprio quello che tutti avevano visto già nel primo svoglimento dell’azione.

FABBRI
GENOA-MILAN 0-1
Giusta la chiamata del Var Manganiello che fa annullare il gol del Genoa firmato di testa da Rigoni sullo 0-0. Il centrocampista del Genoa, infatti, insieme al compagno di squadra Galabinov (più netto quest’ultimo), è in fuorigioco sul traversone di Hiljemark.

GIACOMELLI
JUVENTUS-UDINESE 2-0
Tutto su Angella. Al 18’ commette fallo da dietro su Higuain e ne nasce la punizione dell’1-0; poco meno di venti minuti più tardi entra in area su Dybala che è bravo a mettere la sua gamba tra il pallone e quella dell’avversario in arrivo. Le scelte dell’arbitro sono giuste.

MAZZOLENI
CROTONE-SAMPDORIA 4-1
Due gli episodi da segnalare, entrambi risolti con scelte giuste. Al 22’ c’è il rigore su Nalini perché Sala della Samp, per fermarlo, ci mette un braccio e un colpo d’anca di troppo. Poi, un quarto d’ora dopo, il gol di Trotta prima annullato da Mazzoleni e poi convalidato, in un minuto, dal Var Abisso: giusto, perché Zapata tiene in gioco l’attaccante del Crotone.

DOVERI
SASSUOLO-SPAL 1-1
Qualche brivido, ma decisioni, non solo dell’arbitro, corrette. Al 29’ il braccio destro di Lazzari intercetta in area un pallone calciato da Politano: è rigore ma Doveri fa calciare solo dopo che il Var ha confermato la sua scelta. Al 44’ il tocco di mano di Grassi, sul pallone in area di Lirola, in quel momento non viene valutato, l’azione prosegue e la Spal rischia di segnare: poi il consulto con il Var porta al rigore che Politano si fa parare

PASQUA
FIORENTINA-BENEVENTO 1-0
Pochi i falli, la direzione di gara scivola via senza particolari sussulti. Nella ripresa cinque i cartellini gialli. Al minuto 33 il Benevento reclama un calcio di rigore per fallo di Biraghi: Pasqua lascia concludere l’azione e poi sanziona per proteste Del Pinto. Il viola Biraghi colpisce sì il pallone in scivolata, ma con i glutei.

CALVARESE
BOLOGNA-ATALANTA 0-1
La partita del Dall’Ara è molto corretta. Tre ammonizioni, tutte per gioco falloso e tutte per il Bologna. Nella ripresa, quando mancano quattro minuti alla conclusione, Calvarese grazia Pulgar che probabilmente meritava il secondo giallo e quindi la conseguente espulsione. E’ l’unica piccola sbavatura di una condizione comunque positiva.

Articoli correlati

Commenti