Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Serie A, Milan-Cagliari 3-0: Piatek segna ancora
© Getty Images
Serie A
0

Serie A, Milan-Cagliari 3-0: Piatek segna ancora

Convincente vittoria per la squadra di Gattuso che si riprende il quarto posto in classifica grazie alla 23ª rete stagionale del polacco e al gol di Paquetà. Ceppitelli sfortunato nell'infilare la propria porta

ROMA - Un 3-0 in scioltezza per riprendersi di prepotenza e carattere il quarto posto e confermare l'ottimo momento di forma in campionato. Il Milan di Gattuso riparte di slancio dopo il convincente pari dell'Olimpico contro la Roma e travolge il Cagliari a San Siro. A prendersi la scena è ancora una volta il pistolero Piatek, in gol anche stasera (oltre a Paquetà e all'autorete di Ceppitelli), per la 23ª volta in stagione. L'attaccante polacco ha risposto al gol di Ronaldo contro il Sassuolo e resta in scia del portoghese capocannoniere, distante tre reti. Per la squadra di Maran, sprecona in avanti e troppo fragile nella retroguardia, una serata da dimenticare quanto prima per allontanarsi quanto prima dalla zona calda in fondo alla classifica. La zona retrocessione è distante solo tre punti.

LE SCELTE - Gattuso per riprendersi subito il quarto posto si affida ad un 4-3-3 a trazione offensiva con Piatek punta di diamante sostenuta da Suso e Calhanoglu. Si rivede in panchina Biglia. Nel Cagliari esordio da titolare dell'ex Roma Luca Pellegrini con Maran che nel suo 4-4-1-1 si affida come al solito alla vena realizzativa di Pavoletti

CRONACA E TABELLINO: MILAN-CAGLIARI 3-0

FOTO: PAQUETA', GOL CON DEDICA 

PRIMO TEMPO - Il match segue il prevedibile copione immaginato alla vigilia: il Milan pressa, il Cagliari aspetta. Il muro sardo traballa già all'8' quando Calhanoglu con un destro dal limite testa i riflessi di Cragno. E' il preludio al vantaggio rossonero che si materializza al 13' con una sfortunata autorete di Ceppitelli, posizionato nel posto sbagliato al momento sbagliato: tiro ad incrociare di Suso che Cragno ribatte in tuffo, palla sulla schiena del difensore e Diavolo in vantaggio. 

L'1-0 scalda San Siro che dà coraggio ad un buon Milan, capace di raddoppiare al 22' con Paquetà. Il brasiliano - che ha dedicato il gol alle vittime del rogo del centro sportivo del Flamengo - è lesto nel raccogliere con un sinisto al volo sotto misura un perfetto assist dalla destra di Calabria. Bis servito e Cagliari stordito all'angolo. La squadra ospite prova a riorganizzarsi e a portare qualche pericolo dalle parti di Donnarumma ma l'estremo difensore milanista conferma il suo momento di forma strepitoso neutralizzando una doppia conclusione di Pavoletti al 27' e al 30'. Il primo tempo si chiude così con il doppio (e meritato) vantaggio di Gattuso

La ripresa si apre sullo stesso spartito suonato nel primo tempo. Il Milan, sempre sul pezzo e per nulla sazio del doppio vantaggio, sfiora con Calhanoglu e Piatek il tris nei primi dieci minuti. Indietro però balla e concede chance agli avversari come al 60' quando Joao Pedro decide di divorarsi la più clamorosa delle palle gol. Prima Donnarumma gli toglie la gioia del gol volando sul suo colpo di testa angolato e poi lo stesso trequartista brasiliano spreca tutto cercando di superare Gigio con uno scavetto che colpisce la traversa a cinque metri dalla linea di porta. La legge più antica del calcio si materializza tre minuti dopo. Al grido di "gol mangiato, gol subito", ecco arrivare la sentenza Piatek che si abbatte anche sul Cagliari: il polacco è bravo a ribadire in rete di destro un pallone che Calhanoglu non era riuscito ad infilare in porta. Per il polacco - 23° gol stagionale - è il quarto gol in tre partite (da titolare) con il Milan fra campionato e coppa Italia. Il 3-0 scava un solco incolmabile fra le due squadre. Gattuso fa rifiatare Piatek dando minuti a Cutrone che in un paio di occasioni sfiora anche il gol. Il Cagliari scompare dal campo e c'è ancora il tempo per vedere Suso divorarsi il poker rossonero a tu per tu con Cragno. Poco male, al triplice fischio Gattuso può esultare: il suo Milan, che in campionato non perde dal 22 dicembre scorso, si riprende la quarta piazza in attesa della trasferta di Bergamo contro l'Atalanta. Una sfida che sa di Champions League.

CLASSIFICA DI SERIE A

Vedi tutte le news di Serie A

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti