Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Inter

Vedi Tutte
Inter

Icardi: «Se Perisic non è contento, vada»

Icardi: «Se Perisic non è contento, vada»
© Inter via Getty Images

Il capitano nerazzurro ha parlato del momento dell'Inter, del suo stato di forma ("La prossima settimana sarò in gruppo"), della Champions ("E' il nostro obiettivo") e del croato con la valigia pronta.

Sullo stesso argomento

 Andrea Ramazzotti

mercoledì 12 luglio 2017 17:26

INVIATO A RISCONE - Prima intervista stagionale per Mauro Icardi nel ritiro dell'Inter. Il capitano ha toccato vari temi, tra cui quello del possibile addio di Perisic. “Abbiamo finito le vacanze e siamo tutti qui che lavoriamo molto bene. Io purtroppo sono ancora fuori per l’infortunio della scorsa stagione ma sto lavorando per tornare in gruppo e dalla prossima settimana suderò con i compagni. Il nostro obiettivo è tornare a giocare la Champions League: ci stiamo allenando per fare una stagione importante. Spalletti? Non l’ho visto molto dentro il campo perché sono stato a parte, ma si vede che è molto carico, ci ha parlato, ci ha detto le sue idee per cercare di migliorare. Noi ci metteremo a disposizione per fare il bene dell’Inter. Ha difeso Ranocchia da un tifoso che lo insultava? L’allenatore e la società devono sempre essere dalla parte dei giocatori e per questo mi è piaciuto molto il suo comportamento. Sentire che un tifoso offende Ranocchia o un altro giocatore dell’Inter crea un po’ di fastidio. Meglio Spalletti o i sette acquisti del Milan? Noi siamo contenti con il nuovo mister e ora la società farà sicuramente un buon mercato. Obiettivo 30 gol in campionato? Non mi piace dare i numeri prima dell’inizio della stagione. Io faccio il mio, aiuto la squadra con le mie reti, poi se saranno 20 o 30 gol non importa. L’arrivo di Borja Valero? Sarà un giocatore che ci aiuterà tantissimo, soprattutto davanti, con i suoi assist. Gioca in Italia da 5 anni, ha grande qualità e ci sarà molto utile. Un messaggio per convincere Perisic a restare? No, queste sono cose delle quali non parliamo all’interno dello spogliatoio. Deve pensare solo a sé stesso: se non è felice di stare qui deve andare via come ha detto il mister, se invece è contento deve restare. Un messaggio per i tifosi? E’ stata una stagione deludenti per tutti, non solo per i tifosi. Speriamo che le cose vadano bene quest’anno: il nostro obiettivo è la Champions League”

Articoli correlati

Commenti