Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Juve

Vedi Tutte
Juve

Juve, Marotta ritenta l’assalto a Rabiot

Juve, Marotta ritenta l’assalto a Rabiot
© AP

Il centrocampista francese ai ferri corti nel Psg dopo gli insulti con Ibrahimovic

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 29 luglio 2015 08:26

ROMA - Pazza idea Juve. Dopo aver perso Vidal i bianconeri hanno intenzione di rituffarsi su Adrien Rabiot. Un ritorno di fiamma visto che il ragazzo, classe 1995, era già nel mirino del club di corso Galileo Ferraris la scorsa estate quando si rifiutò di rinnovare il contratto con il Paris Saint Germain. Sua madre Veronique, che ne cura gli interessi, provò a portare via il figlio da un ambiente in cui non credevano troppo in lui. Ma non ci riuscì. Così, dopo essere stato escluso dalla lista Champions e messo fuori rosa, il francesino cedette firmando fino al 2019. Ma le cose non sono cambiate. Il centrocampista offensivo continua a vedere poco il campo. Con Laurent Blanc non c'è empatia, con i compagni di squadra men che meno. S'è visto durante l'amichevole di lusso contro il Chelsea di pochi giorni fa: Ibrahimovic ha zittito Rabiot che ha risposto con un inelegante "figlio di...". La cosa non è andata giù né allo svedese né al club, sintomo di un'insoddisfazione crescente. «Mio figlio deve andare via dal Psg», aveva detto poco più di un mese fa la madre. D'altronde entrambi, oltre allo scarso utilizzo, non hanno gradito il trattamento ricevuto dal presidente Nasser Al Khealifi, a cui avevano chiesto un chiarimento mai arrivato. E poco importa se il mister non lo vede. Se Ibra ti è nemico, hai chiuso. Proprio per questo motivo la Vecchia Signora s'è messa sulle sue tracce e questa volta cercherà di andare fino in fondo. Il prezzo del suo cartellino (8 milioni di euro) non è spropositato e l'idea di un prestito con diritto di riscatto potrebbe accontentare tutti.

ADDIO - Intanto Beppe Marotta non molla Julian Draxler. Dopo il primo rifiuto da parte dello Schalke 04, il dirigente juventino ci proverà di nuovo nonostante il divieto ribadito ieri da Horst Heldt: «Non ci saranno più trattative - ha detto a Sky il diesse tedesco -. Ho informato la Juventus della nostra scelta: non siamo più disposti ad accettare che entri in contatto con il calciatore». Ma il club di corso Galileo Ferraris non ha alcuna fretta e le alternative non mancano. Su di lui c'è anche l'Arsenal, pronto a soddisfare le richieste dei Knappen. Il ragazzo ha già dato l'ok ai bianconeri, ma Ozil e Mertesacker spingono per portarlo a Londra. Stessa città in cui potrebbe finire Llorente. Il suo agente ieri ha incontrato i Gunners. Il suo assistito stava aspettando il Real Madrid ma i campioni d'Italia hanno bisogno di racimolare un altro gruzzoletto per aumentare l'offerta per Draxler.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio

Per Approfondire

Commenti