Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Juve

Vedi Tutte
Juve

Allegri si gode la sua Juve: «Ma non siamo in fuga»

Allegri si gode la sua Juve: «Ma non siamo in fuga»
© LaPresse

Undicesima vittoria in campionato per il tecnico della Juventus che adesso deve pensare al passaggio del turno in Champions League

Sullo stesso argomento

 

sabato 19 novembre 2016 23:32

TORINO - «Vittoria importantissima, ma non siamo in fuga». E' l'undicesima vittoria in questo campionato e la 23ª consecutiva allo Juventus Stadium, Allegri può essere veramente soddisfatto della sua squadra che, dopo tante critiche sul gioco, è tornata a convincere anche i giudici più severi. La Juve vince 3-0 in casa contro il Pescara e si appresta a sfidare il Siviglia per il primato in Champions League e il passaggio del turno. «Noi prima di natale abbiamo tre obiettivi: passare il turno di Champions, rimanere in testa alla classifica e vincere la Supercoppa ItalianaI tre punti di oggi valgono come i tre punti contro il Napoli e come di tutte le partite.

Era importante vincere, dopo la sosta ci sono sempre partite enigmatiche, il Pescara ci ha chiuso gli spazi e ci ha creato qualche difficoltà. Prove di fuga? No, la Roma e il Milan devono giocare. L’importante era vincere e l’abbiamo fatto nel migliore dei modi». 

NON SIAMO IN FUGA - «Spalletti ha detto che la Roma deve giocare come la Juve? Non so come gioca la Roma e quello che fa la Roma, so solo che la Juve ha la sua identità che va trasformata in campo con delle vittorie. Poi ci sono le volte in cui giochiamo bene, altre meno bene ma l’importante è fare punti. Galeone ha detto che a gennaio arriverà un centrocampista? Parlare di mercato non ha senso, trovare giocatori per migliorare questa rosa a gennaio è molto difficile. In questi anni la società ha lavorato molto per migliorare la squadra. Ho molti giocatori che stanno crescendo molto, dobbiamo aspettare alcuni infortunati e comunque direi che questa rosa è molto competitiva». 

LA JUVE VA FORTE, ANZI FORTINO

APPUNTAMENTO CON IL PASSATO - «Che Pescara ho trovato? Sono molto legato alla città di Pescara e credo che la squadra di Oddo abbia fatto una buona gara. Auguro al Pescara di salvarsi e credo che le squadre in fondo alla classifica lotteranno fino alla fine. Higuain senza gol? Ha fatto gol prima di andare in nazionale, in questa stagione ha già fatto 10 gol. Questa sera ha fatto una prestazione importante, si è sacrificato molto tra le linee, facendo il lavoro che di solito fa Dybala. Ha una tecnica straordinaria e l’ha sfruttata 10 metri più indietro».

GRANDE PARTITA DI HERNANES - «Khedira fondamentale per la Juve? E’ un giocatore di livello internazionale, quest’anno ha giocato il triplo delle partite rispetto all’anno scorso. Per averlo a questi livelli deve giocare meno partite.

Giocando ogni tre giorni perde qualcosa, però quando alza l’intensità aumenta le prestazioni perché è troppo più bravo degli altri. Quanto è importante Alex Sandro? E’ importante come tutti ma deve migliorare perché ha gigioneggiato troppo, ha forzato alcune giocate e si è intestardito. Ma è tra i primi tre terzini al mondo. Il gol di Hernanes? Ha fatto una grande partita come ne aveva fatte già altre. Sono contento che abbia trovato il gol. Il derby di Milano? Sarà un bellissimo derby, lo guarderò ma l’importante è che abbiamo vinto noi. Speriamo in un pari»

LA JUVE ABBATTE IL PESCARA 3-0

 

Articoli correlati

Commenti