Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Milan

Vedi Tutte
Milan

Milan, Fassone: «Spesi sul mercato 230 milioni, tutti a bilancio quest'anno»

Milan, Fassone: «Spesi sul mercato 230 milioni, tutti a bilancio quest'anno»

L'amministratore delegato svela anche il monte stipendi dei rossoneri: «Tra i 110 e i 120 milioni di euro»

Sullo stesso argomento

 

giovedì 31 agosto 2017 23:33

ROMA - Il bilancio di mercato pochi istanti dopo la chiusura. Il Milan vara l'ennesima rivoluzione mediatica di questa estate presentandosi su Facebook davanti ai tifosi per tirare le somme degli acquisti estivi. Nel cosiddetto «APACF Show» Marco Fassone conferma la volontà di puntare sempre sulla trasparenza e snocciola tutti i numeri: «Mercato importante, più di quello che pensavamo all'inizio. Abbiamo investito più di 230 milioni di euro, tutti sul bilancio di quest'anno. Neanche Kessie verrà messa sul bilancio dei prossimi anni. Abbiamo fatto cessioni tra i 50 e i 60 milioni, e può darsi che si muova ancora qualcosa nei prossimi giorni. Abbiamo contenuto le commissioni, siamo stati sotto l’asticella del 5%, pari a circa 12 milioni. Il monte ingaggi sarà tra i 110 e i 120 milioni. Rispetto al budget che avevamo siamo meglio, abbiamo fatto quasi tutto quello che volevamo. Dal punto di vista numerico, esprimo una buona soddisfazione»

SODDISFAZIONE - Fassone sottolinea l'entusiasmo ritrovato sul pianeta Milan: «Un traguardo che certamente abbiamo raggiunto è stato quello di trasmettere alla gente milanista, il calore e la manifestazione la si è avuta a San Siro con un amore trasbordante. Il milanista ha voglia di stare vicino alla squadra e se abbiamo ottenuto questo risultato, è già qualcosa di importante». Mirabelli ha parlato di Aubameyang: «È un grandissimo giocatore. Aveva voglia di venire al Milan, ma alcuni matrimoni a volte non si riescono a fare... Il Dortmund ha fatto fatica a cederlo ed è andata così, ma resta un grandissimo. Se ci manca qualcosa c'è un lunghissimo mese di gennaio e non ci tireremo indietro». 

Articoli correlati

Commenti