Napoli

Vedi Tutte
Napoli

Dal 2004 al 2017: l’oro di Napoli vale 10 volte tanto

Dal 2004 al 2017: l’oro di Napoli vale 10 volte tanto
© FOTO MOSCA

In 13 anni il valore della squadra e della società si è decuplicato: comprata in C1, ora è da scudetto

Sullo stesso argomento

di Antonio Giordano

giovedì 18 maggio 2017 09:59

NAPOLI - La memoria è uno scrigno: e là dentro, luccicante, c’è l’oro di Napoli, ciò che brilla d’un decennio (tredici anni, per la precisione) in cui la povertà diviene ricchezza, la « miseria» si trasforma in nobiltà e il dolore per il fallimento miracolosamente lascia sgorgare il Lusso ma anche la Felicità. La Storia (per alcuni, nel rievocarla, urticante) è in quello splendore d’un abbagliante Napoli, in questa dimensione favolistica che conquista tra tridenti, primati, un calcio champagne nella diversità assoluta d’un Progetto che nasce tra i fili d’erba ingialliti della Fallimentare e un San Paolo brullo: è il 6 settembre del 2004, mica poi tanto tempo fa, e l’atto d’acquisto d’un club ch’è «un pezzo di carta» costa trenta milioni di euro e un bonus da cinque, in caso di promozione in serie A nel successivo triennio. E’ un salto nel vuoto - teoricamente - è invece è l’inizio d’un ciclo che resiste, che ha scalato vette insospettabili ed ha decuplicato il proprio patrimonio, all’epoca rappresentato (esclusivamente) dal titolo ed ora ingioiellato con «genietti» e fuoriclasse che (fonte transfermakt) valgono trecento milioni di euro (per la precisione: 332,78).

ALBIOL: «SCUDETTO QUI COME UN MONDIALE»

LA SCALATA - La diversità è nell’Idea, in ciò che De Laurentiis importa in un Mondo che non gli appartiene, dalle cui dinamiche sfugge attraverso scelte di management aziendale che fanno storcere il naso (ai conservatori) e invece rappresentano l’innovazione tout court: il primo Napoli, costruito da Pierpaolo Marino, costa intorno agli otto milioni di euro, affoga la propria delusione nello spareggio con l’Avellino, però «pianta» i pilastri per il proprio futuro e non avverte il peso d’una chiusura d’esercizio in rosso, uno dei rari casi, d’un milione e ottocentomila euro.

ULTIME NOTIZIE NAPOLI

LO SFARZO - L’ottava qualificazione in Europa, e il destino spiegherà se sarà Champions diretta o preliminare, è figlia d’una filosofia che non ha avuto né deroghe, né rinunce, che ha rigorosamente rispettato i principi economici e che però non ha costretto a negarsi fuoriclasse che hanno esaltato la Strategia: il Napoli dei 332 milioni attuali è in Insigne ed in Mertens, in Milik ed in Zielinski, in Rog ed in Diawara, tutti i «fratellini » di Hamsik - ormai il caposcuola - però anche i successori di Cavani e di Lavezzi, di Quagliarella e di Inler, di Higuain e di Paolo Cannavaro, i capisaldi d’una generazione ch’è esistita, che ha lasciato una traccia ed in qualche caso anche una robusta eredità economica.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna del Corriere dello Sport

Articoli correlati

Commenti