Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Roma

Vedi Tutte
Roma

De Rossi: «Juve favorita. La Roma è la prima rivale»

De Rossi: «Juve favorita. La Roma è la prima rivale»
© ANSA

Il centrocampista giallorosso: «Gli innesti saranno mirati. Siamo arrivati due volte di seguito secondi, non c'è bisogno di stravolgimenti radicali»

Sullo stesso argomento

 

venerdì 31 luglio 2015 12:40

ROMA - "La Juventus in campionato parte davanti a tutti, ma la Roma non può non essere la prima rivale". Così Daniele De Rossi sulla griglia di partenza della prossima Serie A. Il mediano giallorosso sottolinea poi che sul mercato la società di Trigoria "sta facendo innesti mirati". "Credo che a una squadra che arriva per due volte di fila al 2/o posto non servano stravolgimenti - ricorda nel corso della presentazione della nuova partnership tra Roma e Sky -. Inoltre sono stati tenuti tutti i giocatori forti, e non è da sottovalutare, anche questo vuol dire rinforzarsi".

OBIETTIVI - Riguardo alla competitività della Juventus, De Rossi torna poi col pensiero allo scorso anno, quando la squadra bianconera "sembrava dovesse fare un flop perché indebolita nell'organico e per parecchi, ma non per me, anche nell'allenatore. Poi invece abbiamo visto che ha fatto una stagione per certi versi anche migliore delle precedenti". "Una squadra che ha vinto il quarto scudetto consecutivo e arriva in finale di Champions League non può non partire davanti a tutti" spiega il mediano della Roma, prima di aggiungere che "la squadra che è arrivata seconda per due volte di seguito (ovvero proprio la Roma, ndr) non può non essere la prima alternativa e rivale. Poi si stanno rinforzando molto le milanesi, e la Lazio è una costante e farà il suo campionato". "Il Napoli? Mi incuriosisce molto Sarri, mi affascina - confessa De Rossi a Trigoria nel corso della presentazione della partnership pluriennale siglata tra Roma e Sky che include i diritti media del club giallorosso -, viene da una piccola realtà come quella di Empoli ma già ne avevo sentito parlare. Poi lo abbiamo visto all'opera su palcoscenici importanti e non ha mai sfigurato. Non ha cambiato filosofia e la squadra andava da sola, ha messo sotto squadre molto più forti, e anche noi in alcune occasioni siamo stati in difficoltà. Speriamo che quest'anno non vada troppo bene, vediamo cosa farà con giocatori che sulla carta sono di livello superiore rispetto a quelli dell'Empoli".

Per Approfondire

Commenti