Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Roma

Vedi Tutte
Roma

Roma, Castan, oggi l’ultima: «Ma vorrei restare»

Roma, Castan, oggi l’ultima: «Ma vorrei restare»
© Bartoletti

Il difensore brasiliano sarà in campo con l'Al-Ahly: «Ormai sono più italiano che brasiliano...». Pronto a giocare l’amichevole e a sperare

Sullo stesso argomento

 

venerdì 20 maggio 2016 11:56

ROMA - Pantaloncini corti, occhiali da vista e il compagno di gita più logico: Emerson Palmieri, connazionale in una Roma che sta rinnovando il suo parco brasiliani. «Ma io sono più italiano che brasiliano, ormai» scherza Leandro Castan, che ha trascorso le ore libere concesse da Spalletti al Dubai Mall, uno dei centri commerciali più visitati del mondo.

Castan oggi giocherà l'amichevole contro l'AlAhly sapendo che può essere l'ultima volta con la maglia della Roma. Suo malgrado, senza colpe, ha dovuto accettare di non essere più indispensabile per la squadra che aveva scelto quattro anni fa, quando Sabatini lo definì un «difensore dominante».  

TUTTO SULLA ROMA

CONDIZIONI - C'è un'atmosfera rilassata, vacanziera, nella spedizione della Roma. Ma per Castan anche questo piccolo tour negli Emirati Arabi può avere risvolti importanti sul futuro. «Non lo so cosa succederà, vediamo - spiega - io spero di restare...». Lo dice con un'aria orgogliosa, per niente dimessa, perché è convinto che il peggio sia passato: «Sì, adesso sto bene, molto bene. Mi mancano solo le partite».

E non è poco per un calciatore professionista che ha giocato la prima di Spalletti, contro il Verona, e poi si è responsabilmente chiamato fuori, rendendosi conto che non poteva reggere ancora il passo con i ritmi della Serie A.  

TUTTO SUL CALCIOMERCATO

CRESCITA - Ma il lavoro e l'abnegazione pagano. E prima o poi chiunque ha il diritto di riscuotere il credito con la sorte. Castan non ha mai smesso di desiderare quello che ha perso, la sensazione di leggerezza e la sicurezza di giocare. «Altrimenti non mi sarei operato alla testa, con tutti i rischi che quell'intervento comportava» raccontava nei mesi scorsi, rivivendo l'incubo di quella brutta parola chiamata cavernoma.

Leggi l'articolo completo sul Corriere dello Sport Stadio in edicola

EL SHAARAWY: CHE NUMERI IN NAZIONALE

Articoli correlati

Commenti