Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Di Francesco: Roma, cambio modulo. Nzonzi e Karsdorp dal 1'
© LAPRESSE
Roma
0

Di Francesco: Roma, cambio modulo. Nzonzi e Karsdorp dal 1'

Il tecnico apre al passaggio al 4-2-3-1: «Posso cambiare sistema, ho giocatori che me lo permettono, ma se manca la grinta sono solo numeri. Ricordatevi Barcellona. Noi stanchi? Normale, siamo all'inizio. Schick? Può giocare insieme a Dzeko, da titolare o da subentrato»

ROMA - «Il titolo che vorrei dopo la partita? Una grande risposta della Roma, grande risposta». Così Di Francesco alla vigilia della sfida con il Milan in conferenza stampa. La Roma viene dal pari rocambolesco con l'Atalanta, e il tecnico analizza a freddo i motivi di quei primi 45' complicati. «Cattiveria, determinazione, applicazione nel giocare insieme: questo è quello che non è avvenuto nel nostro 4-3-3 del primo tempo con l'Atalanta, ogni numero diventa relativo se non ci sono queste caratteristiche. E' fondamentale perdere meno duelli possibili, al di là dello schema o del sistema di gioco».

STANCHI? SE FOSSIMO BRILLANTI ORA SAREBBE UN PROBLEMA - Stanchezza? Fattore che ha contribuito, in fin dei conti si è a inizio stagione e i carichi sono ancora da smaltire per il tecnico. «I reduci dai mondiali come Fazio e Kolarov sono ancora stanchi? Obiettivamente l'Atalanta ha evidenziato anche questo, ma non solo loro due sono sembrati poco brillanti, anche Manolas che avevo citato prima non sembrava il solito Kostas. Sono giocatori per noi importanti, siamo solo alla seconda giornata di campionato e io mi preoccuperei se fossimo in grandissima forma adesso. Mi aspettavo che l'Atalanta avesse qualcosa in più in questo momento, certo non troppo. Credo che comunque abbiamo accusato soprattutto di testa. Andatevi a rivedere quando Zapata ha preso palla a Manolas? Pressione ottima, un difensore loro ha dovuto buttare una palla avanti dala linea di fondo, l'aggressione era stata fatta benissimo ma poi è mancata la veemenza, la cattiveria agonistica che fa la differenza».

STROOTMAN VOLEVA ANDARE VIA -«Strootman poteva essere utile con l'Atalanta? Con Kevin ho parlato, aveva il desiderio di cambiare, di una nuova esperienza. Io qui voglio giocatori che hanno il desiderio di dare il massimo per questa maglia, io non trattengo nessuno. Anche con Dzeko, quando si parlava di una sua possibile partenza, ho fatto la stessa cosa e l'ho messo in campo per 90' sempre».

ROMA, SI CAMBIA - «Nzonzi e Karsdorp potrebbero essere tutti e due della partita dall'inizio, anche se non dovessero avere i 90' nelle gambe. Schick accanto a Dzeko? Se ci leghiamo a un calciatore perdiamo il concetto di squadra. Patrick è forte, potrebbe giocare dall'inizio o subentrare, l'altro giorno ha avuto 2-3 palle gol da subentrato, comunque ho risposto alla domanda: potrei cambiare sistema di gioco, questa è la risposta. Abbiamo 4 punti su 6, uno in più dell'anno scorso: quest'ambiente va gestito con equilibrio. Il mio compito è portare la Roma più in alto possibile, dimostrare sempre qualcosa in più, il tempo dirà se ci sono riuscito. Ho una rosa in grado di permettermi diversi moduli, ho giocatori che possono giocare in ruoli diversi. Cambiare è intelligenza o debolezza? Per me è intelligenza. Se vi avessi detto prima del Barcellona come giocavo, mi avreste dato del pazzo, poi mi avete fatto passare per un fenomeno».

 

Vedi tutte le news di Roma

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti