Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Fiorentina

Vedi Tutte
Fiorentina

Serie A, Torino-Fiorentina: 0-0 ma bel gioco in campo

© Getty Images

All'Olimpico finisce con un pareggio a reti inviolate. Cerci e Cuadrado protagonisti di un bel match, i viola risentono però dell'assenza di Rossi in attacco. La squadra di Montella fallisce l'aggancio al Napoli

 Angelo Ramacciato

domenica 12 gennaio 2014 15:04

TORINO - All'Olimpico è finita con un pareggio a reti inviolate la sfida tra Torino e Fiorentina. I viola falliscono l'aggancio al Napoli di Benitez al terzo posto, i granata rimangono al settimo posto in classifica. Ottima prova di Cerci e Cuadrado sulle fasce, ma gli ospiti hanno risentito dell'assenza del loro bomber, Pepito Rossi, in fase realizzativa.

LA CRONACA - Toro e Fiorentina, in campo due tra le squadre che propongono il miglior calcio della Serie A. I granata vogliono chiudere il girone di andata con una vittoria di prestigio contro la formazione allenata da Montella, i viola devono dimostrare di poter essere vincenti anche senza Rossi, la loro punta di diamante. Le due formazioni si affrontano a viso aperto, la partita è caratterizzata da numerosi capovolgimenti di fronte. E' subito sfida tra Cerci e Neto: al 2' la punta granata rientra sul sinistro e cerca di sorprendere il portiere viola che non ha problemi a bloccare la sfera. La risposta degli ospiti è affidata ad una punizione di Fernandez che Padelli neutralizza in tuffo. Col passare dei minuti la Fiorentina diventa pericolosa: prima con Roncaglia, che non sfrutta a dovere un prezioso assist di Joaquin, poi con Borja Valero, ma il tiro a giro del centrocampista è di poco largo. I padroni di casa, adesso, si rendono pericolosi con le ripartenze orchestrate dal solito Cerci, che fruttano loro una serie di calci d'angolo. Sul finire del primo tempo, poi, la punta granata si invola verso la porta ospite e tenta di sorprendere Neto con un diagonale velenoso, ancora bravo il portiere a negare il gol all'attaccante. L'ultimo brivido, però, è per i padroni di casa, quando Borja Valero non riesce a inquadrare la porta da posizione molto favorevole e spreca un assist delizioso di Cuadrado.

I VIOLA NON PUNGONO SENZA ROSSI - Il secondo tempo si apre come si era chiuso il primo, con Cuadrado imprendibile sulla fascia destra, ma il suo cross, stavolta, non è preciso e si spegne tra le braccia di Padelli. Poco dopo Borja Valero spara un siluro dalla lunga distanza, Cuadrado è in leggero ritardo sulla respinta del portiere. Sul seguente capovolgimento di fronte Cerci impegna Neto, ma l'estremo difensore viola gli nega la gioia della rete ancora una volta. Adesso i padroni di casa sono più decisi in fase offensiva, Cerci è una spina nel fianco per la difesa ospite, ma i viola rispondono colpo su colpo, non ci sono pause in campo, nonostante il risultato non si sblocchi. Al 15' Glik è bravissimo a chiudere lo specchio della porta a Borja Valero, pronto a battere a rete da ottima posizione, Montella inserisce Iakovenko al posto di Ilicic per dare maggiore peso ed incisività all'attacco viola. Sono i granata, però, a sfiorare il gol del vantaggio con Barreto: Neto si supera e neutralizza la sua conclusione in porta. Ventura inserisce Brighi al posto di Basha, che ha speso tante energie, il tecnico granata, evidentemente, teme cali fisici a centrocampo nel finale di partita. Al 34' un brivido per Montella: Meggiorini sfiora la deviazione vincente in area su una conclusione potente, forse troppo, di Cerci. Finisce 0-0, Cerci e Cuadrado hanno dimostrato di essere due giocatori imprendibili sulle fasce, i viola, però, risentono dell'assenza di Pepito Rossi in fase realizzativa. Montella e i suoi falliscono l'aggancio al Napoli, la squadra di Ventura continua ad esprimere un buon calcio.

Per Approfondire