Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Serie B

Vedi Tutte
Serie B

Bologna in Serie A: 1-1 col Pescara, è promozione

© LaPresse

Dopo Carpi e Frosinone, promossa anche la squadra rossoblù. È festa al Dall'Ara

Sullo stesso argomento

 

martedì 9 giugno 2015 22:29

BOLOGNA - Dopo Carpi e Frosinone, in Serie A c'è spazio anche per il Bologna. La squadra rossoblù centra la promozione al primo tentativo, un anno dopo una dolorosa retrocessione. Al Dall'Ara finisce ancora in parità, 1-1, nella finale di ritorno dei playoff di B: Sansone sembra dare il via alla festa anticipata, ma un grande Pescara trova le energie per pareggiare con Pasquato e gettarsi in avanti alla disperata. Il risultato però non cambia e il Bologna torna nella massima serie in virtù del miglior piazzamento guadagnato durante il campionato.

MATUZALEM C'È - L'atmosfera allo stadio Dall'Ara è rovente e in una serata del genere un combattente come Matuzalem non può mancare: il centrocampista brasiliano non è al meglio, ma stringe i denti.

 Rossi poi propone la coppia d'attacco Acquafresca-Sansone, con Krsticic in appoggio. Nel Pescara, Oddo deve rinunciare al leader Bjarnason. In attacco, le due frecce Politano e Caprari, provenienti dal vivaio della Roma, sostengono la punta centrale Melchiorri.

CHE AVVIO! - Si gioca su ritmi altissimi fin dai primi minuti. Il Pescara fa la partita perché ha un solo risultato utile, la vittoria. Lo aveva detto il tecnico pescarese prima della sfida: «Loro ci aspetteranno, giocheranno in difesa». Analisi perfetta, infatti la prima occasione è degli ospiti. Melchiorri, pescato in verticale da Brugman al 16', colpisce la traversa da posizione defilata. La risposta bolognese è un sinistro da 25 metri di Sansone respinto da Fiorillo in tuffo.

PASSA IL BOLOGNA - Nel momento migliore del Pescara, a passare però è il Bologna. È il 37': Sansone approfitta di un tocco sbagliato di Torreira con un sinistro potente imprendibile per Fiorillo. La gioia del Dall'Ara è incontenibile, il ritorno in Serie A è più vicino.

ODDO CAMBIA L'ATTACCO - Al rientro in campo dal riposo, sorpresa nel Pescara. Oddo lascia negli spogliatoi gli esterni Caprari e Politano, probabilmente scontento del loro rendimento, e manda in campo Pasquato e Sansovini. È il Bologna però a sfiorare il raddoppio ancora con Sansone, che fa salta due avversari poi scarica di sinistro addosso a Fiorillo.

 Il calcio non perdona chi sbaglia e ne approfitta la squadra di Oddo. Un'azione dopo, gli ospiti trovano il pareggio della speranza con Pasquato, ex di turno, servito da Melchiorri. Per i rossoblù è un colpo durissimo seguito da un'altra brutta notizia: al 65' Mbaye rimedia il secondo giallo e lascia i compagni in dieci.

FINALE ROVENTE - Con l'uomo in più, il Pescara si riversa in attacco alla ricerca del gol promozione. La resistenza del Bologna è disperata: Matuzalem e compagni devono pescare le ultime energie rimaste dopo una stagione interminabile. Ci prova Sansovini, ma la palla finisce fuori di poco; poi è pronto Da Costa a respingere di pugno una botta di Pucino da 30 metri. Ancora più clamorosa è l'occasione che capita a Lazzari a cinque minuti dalla fine: il suo colpo di testa ravvicinato è debole e viene respinto dal portiere del Bologna. L'ultimo brivido dei tifosi bolognesi è sulla seconda traversa della partita centrata da Melchiorri, a una manciata di secondi dal fischio finale. Il Bologna torna in Serie A, in città la festa è già cominciata.

BOLOGNA-PESCARA 1-1: CRONACA, TABELLINO E STATISTICHE

Per Approfondire

Commenti