Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Serie B

Vedi Tutte
Serie B

Serie B, Viciani junior e l'amore per l'Unicusano Ternana

Serie B, Viciani junior e l'amore per l'Unicusano Ternana

Ai microfoni di Radio Cusano Campus il figlio del mitico allenatore della promozionein serie A, Corrado Viciani. La squadra già in ritiro nella "sua" Castiglion Fiorentino

Sullo stesso argomento

 

martedì 9 gennaio 2018 06:33

«Terni ha rappresentato per mio padre la città d’elezione dal punto di vista sportivo-lavorativo, nonostante sia stata sempre una città di sinistra, cosa che non apparteneva a mio padre che era quasi monarchico. Terni gli è rimasta nel cuore anche quando negli ultimi anni della sua vita la malattia se l’era preso, quando in tv sentiva il nome della Ternana o di Terni, nei suoi occhi c’era sempre un lampo». Ai microfoni di Radio Cusano Campus, nel corso del programma Sport Academy, Dario Viciani ha ricordato così l’attaccamento di suo padre ai colori rossoverdi, proprio nel giorno in cui l’Unicusano Ternana di Sandro Pochesci è partita per il ritiro di Castiglion Fiorentino, patria del tecnico che ha segnato un pezzo importante della storia delle Fere con la promozione in serie A.

IL CREDO TATTICO. Il ritiro in Toscana è l’occasione per ricordare la storica figura del profeta del “gioco corto”, scomparso quattro anni fa: «Lui – sottolinea il figlio Dario a Radio Cusano Campus – aveva un’idea molto lontana dal calcio italiano dell’epoca, che era fatto di squadre lunghe e il libero staccato, almeno fino all’avvento di Sacchi. Lui ha sempre cercato di riproporre il modulo adottato alla Ternana, con la squadra corta, senza però troppo successo, tranne a Palermo. Non è vero che lui diceva che aveva adottato quel sistema di gioco perché i giocatori non erano di qualità, lui – racconta ancora Dario – riteneva che giocare un calcio corto fosse più facile perché non consegnavi la palla agli avversari. Mi sembra che si sminuisca l’importanza dei calciatori e la si tolga all’allenatore, che non può certo vincere un campionato di serie B se non ha buoni giocatori. Mio padre ha innovato il metodo d’allenamento, aveva capito che bisognava correre più degli altri».

IL TIFO. Corrado Viciani ha trasmesso la sua passione per i colori rossoverdi anche ai suoi cari: «Nella mia famiglia continuiamo a seguire le Fere, tutti i sabati guardiamo la partita e ci arrabbiamo perché quest’anno siamo un po’ in credito con la fortuna. Speriamo che il 2018 ci restituisca quello che ci ha tolto in quest’ultima parte di 2017, dove il caso e anche gli arbitri ci hanno giocato un brutto scherzo. Speriamo che Castiglion Fiorentino porti un po’ di fortuna – prosegue Dario Viciani – Pochesci è un personaggio sui generis, non è mai banale, anche in certe sue uscite. Per quanto riguarda il gioco, mi pare che l’Unicusano Ternana, a detta di tutti, giochi un calcio gradevole da vedere. Questo senz’altro è merito del mister".

Articoli correlati

Commenti