Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

L'Avellino chiede la riammissione in B o un risarcimento danni di 30 milioni alla Figc
© ANSA
Serie B
0

L'Avellino chiede la riammissione in B o un risarcimento danni di 30 milioni alla Figc

L'apertura dei termini per i club che avevano presentato la fidejussione Finworld per l'iscrizione al campionato, tra cui Lecce e Palermo in B, rimette in pista anche il club irpino di Taccone escluso dal torneo per la polizza fidejussoria rumena senza rating sostituita poi con la Finworld, per la Covisoc oltre i termini perentori

ROMA - Bocciato dal Collegio di Garanzia dello Sport del Coni e atteso nuovamente davanti al TAR il prossimo 13 settembre, anche l’Avellino torna a sperare in una clamorosa riabilitazione dopo l’esclusione dal campionato di Serie B. Nella settimana del “redde rationem” relativamente alla “modifica” del format del torneo cadetto attraverso il blocco dei ripescaggi, autorizzato dalla Figc e contestato dalle sei società per il momento escluse (Novara, Catania, Ternana, Siena, Pro Vercelli ed Entella), un nuovo capitolo rischia di essere scritto nell’estate più turbolenta del calcio italiano dell’ultimo decennio. Venerdì, infatti, l’ex ministro Frattini si pronuncerà sui ricorsi presentati non solo dai club estromessi dalla cadetteria, ma anche da Figc, Lega B e Lega Pro. Intanto le polemiche divampano più feroci che mai e il club irpino è rientrato prepotentemente in scena nonostante la nascita di una nuova società nel capoluogo campano pronta a ripartire dalla Serie D e già inserita nel girone G, quello sardo-laziale. Dall’aver perso il calcio, dunque, Avellino si ritrova nella condizione di poter avere addirittura due squadre sia pure in categorie diverse ma entrambe affiliate alla Federcalcio. Incredibile, no?

NODO DECISIVO - Ma come si spiega ciò? La domanda che regge il teorema risarcitorio dei campani è, tutto sommato, abbastanza scontata: perché l’Avellino di Taccone è stato estromesso dalla cadetteria meno di un mese fa a causa di inadempienze amministrative e oggi si consente ad altri club di sanare un’identica condizione? Anche l’Avellino, dunque, può ugualmente confidare in una riammissione? La chiave risolutiva di questa vicenda è rappresentata dal Comunicato Ufficiale della Figc dello scorso 30 agosto, nella fattispecie il numero 59, con il quale il Commissario straordinario della Federcalcio Roberto Fabbricini ha reso noto che oltre a dieci società di Serie C, anche due di Serie B (Lecce e Palermo) hanno ottenuto la licenza nazionale producendo fidejussioni rilasciate dalla Finworld, contestate e annullate dal Consiglio di Stato sin dall’11 luglio scorso. Se ne deduce che, secondo quanto sostiene l’Avellino, alla verifica decisiva della Covisoc dello scorso 12 luglio, anche siciliani e salentini, oltre agli stessi irpini, non erano nelle condizioni di essere iscritti al campionato cadetto o, al limite, erano tutte da iscrivere regolarmente.

DISPARITA’ DI TRATTAMENTO - Questa evidente disparità di trattamento ha indotto il presidente Walter Taccone a richiedere che la Figc, in regime di “autotutela”, riammetta in serie B l’Avellino. In caso contrario sono già pronte azioni risarcitorie pluri-milionarie. Ricordiamo che il sodalizio biancoverde era stato estromesso dalla cadetteria nonostante avesse provveduto al pagamento di stipendi, oneri contributivi e previdenziali e al ripianamento di perdite per una somma complessiva di circa 5 milioni di euro. Fatale poi era stata la polizza fidejussoria rumena Onix Assigurari perché priva di rating, ragione per la quale si era fatto ricorso alla Finworld in seconda battuta, ma fuori dai termini perentori, secondo la Figc. Ora la vicenda si è clamorosamente riaperta e influenti mediatori sarebbero al lavoro per un’intesa ragionevole e per disinnescare, soprattutto, il rischio di ragguardevoli risarcimenti da parte della Federcalcio, avendo il club irpino, tra l’altro, perso l’intero parco giocatori svincolati dalla Figc subito dopo la prima udienza al TAR del Lazio dello scorso 7 agosto. Il sodalizio campano sarebbe pronto a richiedere una somma prossima ai 30 milioni di euro! Non è da escludere, anzi sembrerebbe la soluzione auspicabile, che venga proposto a Taccone l’ammissione al prossimo campionato di Serie C con la rinuncia alle azioni risarcitorie che si agitano sull’intera vicenda in questa indimenticabile estate del calcio italiano, tra Ronaldo, nuove piattaforme tv e un caos interminabile!

Vedi tutte le news di Serie B

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

In edicola

Prima pagina