Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Catania

Vedi Tutte
Catania

Scandalo Catania, ecco le intercettazioni

Scandalo Catania, ecco le intercettazioni

«Cinque partite comprate»: sette arrestati, anche il presidente Pulvirenti

Sullo stesso argomento

 

martedì 23 giugno 2015 08:02

ROMA - La Polizia ha eseguito sette ordinanze di custodia cautelare nei confronti di dirigenti del Catania che avrebbero comprato alcune partite del campionato di calcio Serie B appena concluso, per consentire alla squadra di vincere ed evitare così la retrocessione. L'inchiesta è coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Catania. I dirigenti arrestati sono accusati, a vario titolo, di frode in competizioni sportive e truffa: avrebbero comprato le partite alterando così i risultati degli incontri della squadra etnea e l'esito stesso del campionato. Perquisizioni della Polizia a Roma, Chieti, Campobasso e Catania nell'ambito dell'indagine nei confronti di alcuni dirigenti della società siciliana accusati di aver comprato le vittorie della squadra. L'indagine è stata condotta dalla Digos, in collaborazione con la Polizia postale.

PULVIRENTI ARRESTATO - Ci sono anche il presidente, Antonino Pulvirenti, il suo vice Pablo Cosentino e l'ex direttore sportivo del Catania Daniele Delli Carri, tra gli arrestati dalla Polizia di Stato nell'inchiesta su presunte gare comprate. La Digos della questura gli ha notificato un provvedimento agli arresti domiciliari per truffa e frode sportiva. Gli altri quattro destinatari di arresti domiciliari, emessi dal Gip di Catania, su richiesta dalla Dda della locale Procura, sono due procuratori sportivi e altrettanti gestori di scommesse on line. I provvedimenti sono stati eseguiti da polizia di Stato e Digos in collaborazione con la polizia postale. Nell'inchiesta non sarebbero indagati appartenenti a altre società sportive.

ANCHE DELLI CARRI - È stato arrestato ai domiciliari nella sua abitazione di Francavilla al Mare, l'ex direttore sportivo del Pescara Daniele Delli Carri, raggiunto dal provvedimento dalla Procura di Catania in merito alla nuova inchiesta sul calcio scommesse della magistratura etnea. Delli Carri è stato protagonista con il Pescara di Zeman nella promozione di tre anni fa in Serie A. Dopo l'esperienza con il Pescara aveva lavorato con il Genova e recentemente con il Catania. Ha destato stupore nella tifoseria biancazzurra il coinvolgimento nell'ultimo filone d'inchiesta sul Calcioscommesse di Daniele Delli Carri. 44 anni, nativo di Foggia, e residente a Francavilla al Mare (Chieti), il nome del dirigente catanese é legato indissolubilmente all'Abruzzo e al Pescara dove Delli Carri é stato prima calciatore e poi dirigente, prima del divorzio dalla società adriatica. Daniele Delli Carri arrivó dalla Fiorentina al Pescara nella stagione 2005-2006, quando la squadra abruzzese era in serie B, guidata da Maurizio Sarri, e rimase anche nella stagione successiva, quando la squadra prima di Ballardini, poi di Ammazzalorso e infine del duo De Rosa-Vivarini, retrocesse in serie C. L'ultima stagione da giocatore fu quella nel 2008, in serie C a Lanciano (Chieti). Poi l'inizio della carriera da dirigente, partendo sempre dall'Abruzzo l'anno dopo nella Renato Curi Angolana, formazione di Cittá Sant'Angelo (Pescara), allora militante in serie D. Nel 2010 Delli Carri approda al Pescara che in quella stagione militava in serie B, con in panchina Eusebio Di Francesco. Delli Carri poi resterà altre stagioni nella societá adriatica, raggiungendo i migliori risultati nell'anno del Pescara dei miracoli guidato da Zdenek Zeman. Diverse le operazioni di mercato concluse con successo dal dirigente di origine pugliese, prima della decisione di lasciare Pescara, per approdare prima al Genoa e poi al Catania.

ABODI - "Il rischio di invalidare il campionato non esiste. Per definizione la responsabilità è individuale, quindi risponde chi paga". Così il presidente della Lega di Serie B Andrea Abodi a Sky TG24 HD, in merito alla possibilità che l'inchiesta che ha colpito alcuni dirigenti del Catania possa invalidare il campionato di Serie B appena concluso. "La situazione è circoscritta, ha aggiunto il presidente della Lega di Serie B Abodi- anche se indubbiamente c'è un'incidente sulla competizione stessa. A questo punto mi auguro soltanto che, al di là della competizione che si è appena chiusa, si possa riaprire la nuova sotto gli auspici migliori e che ci sia un processo che velocemente ci consenta di iniziare la competizione".

LE GARE - Sarebbero cinque le gare del Catania al centro dell'inchiesta su presunte partite 'compratè dalla società etnea per evitare la retrocessione della squadra dalla Serie B. Al momento non sono indagati né giocatori né dirigenti di altri club, ma la Procura di Catania starebbe vagliando la posizione di alcuni di loro alla luce di intercettazioni telefoniche eseguite dalla polizia di Stato e confluite nel fascicolo. Gli unici indagati del Catania sono i tre agli arresti domiciliari: Pulvirenti, Cosentino e Delli Carri.

«GARE TRUCCATE» - "Riteniamo che almeno 5 partite, forse 6, siano state truccate attraverso il pagamento di somme di denaro". Lo ha affermato il Procuratore della Repubblica a Catania Giovanni Salvi durante la conferenza stampa sugli arresti che hanno coinvolto, tra gli altri, i vertici del Calcio Catania. L'operazione è stata denominata "I treni del gol". Sono "cinque le partite di Serie B" per cui la Procura di Catania "ritiene accertata la combine" e sulle quale ha indagato la polizia di Stato. Sono: Varese-Catania, del 2 aprile 2015, terminata con il risultato di 0-3; Catania-Trapani dell'11 aprile 2015 terminata 4-1; Latina-Catania del 19 aprile 2015 1-2; Catania-Ternana del 24 aprile 2015 terminata 2-0; e Catania-Livorno del 2 maggio terminata 1-1. Accertamenti sono in corso anche su Catania-Avellino del 19 marzo 2015 terminata 1-0.

PULVIRENTI - Antonio Pulvirenti era "il magistrato", "l'udienza" o "la causa" era invece il modo in cui veniva indicato al telefono l'incontro da truccare grazie "al treno", vale a dire il calciatore che si sarebbe prestato alla truffa. Dalle intercettazioni dell'inchiesta della Polizia che ha portato agli arresti dei dirigenti del Catania, emerge il linguaggio utilizzato dagli indagati per parlare delle partite da comprare. Un linguaggio studiato nei minimi dettagli tanto che Pulvirenti e gli altri, quando dovevano discutere tra loro del prezzo per corrompere i calciatori, usavano la formula "tariffa o parcella dell'avvocato", mentre per indicare il numero di maglia del giocatore che era stato agganciato usavano la frase "l'orario del treno o il binario". Secondo l'accusa vi sono dunque "importanti elementi" che sostengono l'esistenza di un'associazione per delinquere con una struttura "organizzativa stabile" in cui ognuno aveva il suo ruolo, finalizzata "a realizzare una serie indeterminata di delitti di frode in competizioni sportive e di truffe". L'origine dell'associazione, secondo gli investigatori, risale a marzo 2015 dopo la sconfitta subita dal Catania in casa contro la Virtus Entella; sconfitta che aveva portato gli etnei in piena zona retrocessione. A quel punto i vertici della società, il presidente Pulvirenti, il direttore sportivo Delli Carri e l'ad Cosentino, si sarebbero attivati, prendendo contatti con gli altri indagati, per far vincere il Catania. L'indagine avrebbe inoltre accertato che il gruppo aveva "consistenti risorse economiche" messe a disposizione dall'agente di scommesse on line Impellizzeri. Ad avvicinare i calciatori ritenuti disposti a vendere le proprie prestazioni ci pensava invece il procuratore e agente Fifa Arbotti, che vantava "contatti e rapporti di conoscenza" nell'ambiente.

LE INDAGINI - Le indagini su alcune partite del campionato di Serie B che sarebbero state comprate sono state avviate all'indomani della sconfitta del Catania con la Virtus Entella per 2-0 del marzo scorso. Un risultato che fece sprofondare la squadra etnea in zona retrocessione. L'operazione, denominata "I treni del gol", ha preso spunto da intercettazioni telefoniche tra gli indagati che utilizzavano sempre lo stesso modus operandi parlando in codice. I "treni in arrivo" erano i giocatori da avvicinare; gli "orari di arrivo" le maglie che i calciatore avrebbero indossato in campo, così come gli investigatori hanno accertato per la partita contro il Varese. I giocatori corrotti avrebbero ricevuto in media 10 mila euro ciascuno. Nell'inchiesta sono indagate complessivamente 19 persone.

ANCHE LO MONACO - Tra gli indagati nell'operazione "I treni del gol" vi sono anche il proprietario ed il direttore sportivo del Messina calcio Pietro Lo Monaco e Fabrizio Ferrigno, l'ad del Messina Calcio Alessandro Failla, il calciatore del Livorno Alessandro Bernardini, del Varese Riccardo Fiamozzi, del Trapani Luca Pagliarulo e Matteo Bruscaggin.

Per Approfondire

Commenti