Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Cristiano Lucarelli: «Fascia Astori? Giusto concedere una deroga per quest'anno»
© LaPresse
Livorno
0

Cristiano Lucarelli: «Fascia Astori? Giusto concedere una deroga per quest'anno»

Il tecnico del Livorno: «In nazionale non abbiamo certezze, bisogna favorire la presenza di giocatori italiani in campo. Serie B? Situazione complessa, non azzardo previsioni»

LIVORNO - Cristiano Lucarelli, prima bandiera ora tecnico del Livorno, è intervenuto oggi a Radio Sportiva. Il primo argomento toccato dall'ex bomber è la situazione di caos in Serie B. “Non è un tema semplice. Capire tutto fino in fondo non è facile, neppure per tutti i legali coinvolti in questa vicenda, figuriamoci per noi comuni mortali. Tutto quello che sta succedendo, al di là di chi abbia ragione o torto, non fa bene all'immagine del nostro calcio a livello europeo e mondiale. Può succedere di tutto: passare da 19 a 22 squadre, oppure andare a 20, 24 e c'è anche chi dice a 25 squadre. C'è anche chi parla della possibilità di un ricorso dell'Avellino che potrebbe essere accolto. Non mi avventuro in previsioni”. Sul campionato del Livorno: “Il verdetto di Pescara è stato diverso rispetto a quello che si è visto in campo. Il campionato di B è molto equilibrato: con la stessa identica prestazione, nessuno avrebbe detto nulla se fossimo riusciti a vincere. Ma questa è la B, con 19 squadre il campionato è ancora più equilibrato”.

QUESTIONE FASCIA DI CAPITANO - “Ormai tutto ha un'immagine, un valore commerciale. Le nostre squadre purtroppo o per fortuna si finanziano con iniziative di questo tipo - prosegue Lucarelli - Chiaro che per la questione Astori in via del tutto eccezionale si potrebbe concedere una deroga per questa stagione, il campionato successivo alla morte di Davide, il ricordo è troppo recente affinché l'aspetto commerciale abbia il sopravvento sull'aspetto emotivo. La situazione va affrontata con buon senso, si può trovare una soluzione”.

SULLA NAZIONALE - “Balotelli, Immobile o Belotti nell'attacco azzurro? Tutti e tre hanno la possibilità di essere scelti di volta in volta. Io credo che Mancini abbia già fatto capire a grandi linee il suo orientamento. Anche aver fatto giocare Balotelli nonostante non stesse benissimo, già può essere un'investitura ufficiale. Vent'anni o trent'anni fa dubbi sul centravanti della nazionale non ce n'erano, ora però mancano certezze, il livello del nostro campionato non è più quello di un tempo. Oggi in Italia arrivano le terze o quarte scelte. Non ci sono norme che garantiscano gli italiani. Io ho giocato in Ucraina, dove c'era l'obbligo di far giocare cinque giocatori ucraini in ogni squadra. Non si possono chiudere le frontiere, certo. Il presupposto dovrebbe essere di quello di poter tesserare liberamente gli stranieri ma con una presenza italiana per ogni squadra dal primo minuto. Una piccola idea per dare una mano al nostro calcio, per farlo tornare tra i primi tre campionati al mondo”. Attualmente conta anche l'aspetto social dei calciatori: “Oggi è molto più facile arrivare in nazionale. Servono meno partite, meno gol. Basta qualche post su Facebook in più e si riesce a far parlare di sé. Una volta bisognava fare 20 gol all'anno per essere presi in considerazione per la nazionale” conclude Lucarelli.

TUTTO SUL CALCIOMERCATO

Vedi tutte le news di Livorno

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

In edicola

Prima pagina