Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Automotive Lazio

Vedi Tutte
Automotive Lazio

Free Mobility, mobilità green nel cuore di Roma

Free Mobility, mobilità green nel cuore di Roma

Free Mobility, l'azienda di noleggio di mezzi green attiva fin dal 2004, dal suo quartier generale nel centro di Roma propone una nuova sensibilità per il settore turistico

 

mercoledì 28 febbraio 2018 15:20

“We move people, we preserve heritage, we sustain tourism and the environment”: ecco il motto di Free Mobilty, l’azienda di noleggio di mezzi green nel cuore di Roma, dove gli ingredienti principali sono l’attenzione all’ambiente, una forte propensione al settore turistico e l’importanza attribuita ad una mobilità che sia sempre rapida, rispettosa e – perché no – anche divertente.

La competenza Free Mobility nella tutela ambientale a 360°

Nata a Roma nel 2004, l’azienda Free Mobility propone il noleggio di una vasta gamma di mezzi – dagli scooters disabled alle golf cart passando per city bike e ninebot - focalizzati in particolare sulla trazione elettrice che, proprio per questo, sono particolarmente indicati per l’accesso al centro storico.  «Fin dal primo giorno – racconta il co-fondatore e co-presidente Namir Norberto Soussa – il nostro obiettivo è stato quello di “smuovere le sensibilità muovendo le persone” ed è proprio per questo che ci siamo focalizzati sulla mobilità sostenibile proponendo mezzi di trasporto diversi rispetto a quelli che, specialmente quando abbiamo iniziato la nostra avventura, erano i più comuni nel settore della mobilità». Dal 2004 ad oggi, per fortuna, la situazione è cambiata in meglio e i mezzi a trazione elettrica si sono moltiplicati così come l’interesse della clientela verso spostamenti più rispettosi e green. «Oggi chi decide di muoversi con i nostri mezzi – continua infatti Soussa – fa molto di più che spostarsi da un punto ad un altro, perché diventa parte integrante di un progetto molto più vasto di tutela ambientale e di salvaguardia del patrimonio artistico e culturale».

 

Ma anche se la sensibilità dei clienti è considerevolmente aumentata – come, di conseguenza, è cresciuta la flotta dei mezzi Free Mobility e anche la concorrenza dei competitor presenti sul territorio – Free Mobility continua a porsi nuovi obiettivi. «Tra i traguardi che ci poniamo adesso – continua il co-fondatore di questa realtà interamente dedicata alla mobilità green – c’è un maggior coinvolgimento di istituzioni e imprese, che potrebbe portarci addirittura a decuplicare la flotta attuale per offrire veicoli personalizzati a seconda del partner, ma anche il desiderio, senza dubbio ancor più “coraggioso”, di dare il nostro contributo per aiutare l’Italia a raggiungere percentuali di mobilità sostenibile simili a quelle che si registrano, per esempio, in molti paesi nordici dove i mezzi green sono, in alcuni casi, la metà dei mezzi totali».

 

Eventi sportivi e produzioni culturali: i servizi personalizzati

Per il momento, comunque, i successi e i traguardi quotidiani non mancano. «Come scelta operativa – spiega ancora il co-fondatore di Free Mobility - siamo collocati in un distretto turistico importante e riusciamo ad attrarre una clientela diversificata tramite i canali alberghieri e alcune convenzioni già attive (come quella con il Roma Pass del Comune di Roma) sfruttando con successo la nostra flotta attuale che è composta da una quindicina di veicoli a carrozzeria aperta, perfettamente fruibili comunque in ogni condizione atmosferica, ai quali recentemente abbiamo affiancato anche la novità di un Van familiare a carrozzeria chiusa». Non solo turismo, però. «Quando si scopre la duttilità del prodotto che offriamo – spiega ancora Namir Norberto Soussa – è più facile comprendere quali sono le possibilità che ciascuno dei mezzi offre. Insomma, come si dice l’appetito vien mangiando e noi sul terreno pratico proponiamo quello che questi veicoli sono in grado di offrire ma nel frattempo siamo sempre pronti ad adeguarci alle richieste del cliente». Nel lungo curriculum di Free Mobility, per esempio, ci sono varie esperienze con l’universo sportivo - al quale si affianca anche la recente proposta di utilizzare i mezzi della flotta per l’imminente gran premio di formula E, che sarà primo gran premio di veicoli auto elettrici - ma anche con il mondo del cinema e della televisione tra cui una collaborazione importante con la prima Festa del Cinema di Roma. «In anni più recenti abbiamo collaborato con alcune produzioni, per esempio nelle riprese tra Roma e la Reggia di Casera di Mission Impossibile 3, offrendo i nostri mezzi come ausilio per gli attori, la troupe e per il trasporto degli strumenti in zone vietate al traffico ma aperte ai mezzi ecologici. E ancora. Siamo stati partner di alcuni importanti eventi privati di personaggi molto in vista e abbiamo customizzato integralmente tre mezzi per un evento promozionale del brand Tezenis».

 

La sensibilità del cliente in una filosofia condivisa

Accanto a questo, poi, resta ferma e centrale la vocazione strettamente turistica che si sviluppa anche attraverso la proposta di quattro tour ad hoc ma che mira costantemente ad ampliarsi. «Il nostro prossimo obiettivo – conclude Soussa – è quello di trovare nuovi partner, in primo luogo culturali, per realizzare un progetto che unisca realtà diverse per coniugare la tutela del patrimonio artistico e culturale del paese con la sostenibilità». Un progetto nel quale la soddisfazione e la sensibilità del cliente sia il punto centrale di una filosofia, tanto comune quanto virtuosa.

Contatti

 

 

 

 

Informazione pubblicitaria a cura di Sport Network

 

 

Articoli correlati

Commenti