Esports

Vedi Tutte
Esports

Il CONI apre agli eSports

Il CONI apre agli eSports

Il 28 marzo nella Sala Autorità dello Stadio Olimpico si è tenuto l'incontro dal titolo "eSport in Italia: stato dell'arte e prospettive future"

Sullo stesso argomento

 

martedì 3 aprile 2018 15:54

Il 28 marzo 2018 è una data da ricordare per tutto l’universo degli eSport perché segna un piccolo grande passo avanti nel percorso verso il riconoscimento ufficiale. A promuovere una giornata così importante non poteva essere che il simbolo dello sport italiano: il CONI. A distanza di 5 mesi dall’annuncio del CIO sulla discutibilità e l’opportunità di riconoscere gli eSport come disciplina olimpica segue l’annuncio, questa volta tutto azzurro, del Comitato Olimpico Nazionale Italiano. L’incontro si è svolto presso la Sala Autorità dello Stadio Olimpico con un titolo di per se già abbastanza eloquente: “eSport in Italia: stato dell’arte e prospettive future”. 

I temi trattati sono stati molti e l’idea comune è quella di supportare la crescita e lo sviluppo italiano del settore (anche in vista di un possible esordio nel 2024) e nel dettaglio il CONI ha illustrato anche le possibilità che potrebbe offrire a livello organizzativo. Sull’argomento ha insistito il Presidente della FITA, Angelo Cito: «l’Italia vuole e può essere, nella moderna sfida degli esport, un’eccellenza e anticipare, sotto l’aspetto organizzativo e gestionale con l'aiuto del CONI, anche la Corea del Sud».

Ovviamente i presenti al tavolo erano tanti: dai rappresentati più istituzionali (come Gec), agli sponsor, passando per l’industria dei videogiochi (con la presenza di AESVI) alcuni importanti team che rappresentano l’Italia all’estero, esporter professionisti (come i pro di Fifa di Roma e Sampdoria) fino ad arrivare ad ITeSpa e alle associazioni che hanno il difficile compito di diffondere in modo capillare la cultura degli Sport Elettronici sul territorio. 

Articoli correlati

Commenti