Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

F1 McLaren, la visione di Brown per tornare a vincere
© EPA
Formula 1
0

F1 McLaren, la visione di Brown per tornare a vincere

Riordino dei ruoli e maggiori investimenti, così l'amministratore delegato pensa di poter essere di nuovo competitivi

ROMA - Le differenze tra Ron Dennis e Zak Brown, l'uomo che lo ha effettivamente sostituito a capo della McLaren nel 2016, non potevano essere più grandi. Ma l'esuberanza americana è davvero l'antidoto di cui la squadra ha disperatamente bisogno dopo il declino post-2012? David Tremayne, per capirlo, ha incontrato, vis-à-vis, l'amministratore delegato della scuderia dopo il Gran Premio di Monaco.

BROWN Secondo Brown uno dei problemi è stata la mancanza di chiarezza rispetto al ruolo di Jonathan Neale che, insieme a lui, rivestiva il ruolo di co-CEO. Ora è tutto più semplice, c'è una sezione gare, una auto e una tecnologica. «Il McLaren Technology Group, quello dove Jonathan ed io eravamo co-responsabili delle corse e delle tecnologie applicate non esiste più». Quindi adesso la scuderia è così strutturata: Brown amministratore delegato, Simon Roberts, direttore generale e John Allert responsabile marketing. «Quindi io mi occupo delle corse, mentre la parte relativa al Gt è nelle mani della sezione auto».

LATIFI Una nuova entrata per il team è arrivata di recente con l'acquisto di Michael Latifi di circa il 10% del capitale sociale della McLaren. Ma è chiaro che non è previsto che il figlio Nicholas, pilota di F2, verrà coinvolto nel lato corse. «Sono felice», ha detto Brown. «Ma ovviamente voglio sempre di più e di più. Se guardi in basso alla griglia, la Ferrari ha fatto un affare, la Mercedes ha negoziato un affare, Boss per Hilfiger, Williams sta perdendo Martini... Abbiamo fatto quattro o cinque offerte, quindi da quel punto di vista è come se fossimo passati dal decimo posto in campionato al quinto. Ma tutti si aspettavano che fossimo secondi».

CALENDARIO

CLASSIFICHE

Vedi tutte le news di Formula 1

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

In edicola