IN Roma

IN Roma

Vedi Tutte
IN Roma

Romaeuropa Festival all'Auditorium con Music for Solaris

Romaeuropa Festival all'Auditorium con Music for Solaris

Solaris, il film Andrej Tarkovskij, rivive con la musica e i video di Ben Frost, Daníel Bjarnason e Brian Eno con la partecipazione dell'Accademia di Santa Cecilia. A Roma il 20 novembre

Sullo stesso argomento

 

giovedì 17 novembre 2016 12:39

Un cult della fantascienza insieme a tre giganti della sperimentazione artistica danno vita a Music for Solaris, domenica 20 novembre all’Auditorium Parco della Musica. Un concerto unico per musica e immagini nato dalla collaborazione di Ben Frost e Daníel Bjarnason con Brian Eno presentato all’interno della kermesse dal Romaeuropa Festival con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Un evento in data unica che nasce da Solaris, il celebre film di Andrej Tarkovskij a sua volta tratto dal romanzo dello scrittore Stanis?aw Lem. I protagonisti di questo progetto sono appunto Ben Frost, uno dei più limpidi talenti della scena elettronica contemporanea capace di spaziare tra vari generi (dal minimalismo classico al punk rock e al post-industrial), Brian Eno, padre della musica ambientale e esponente tra i più autorevoli del minimalismo americano e Daníel Bjarnason un compositore che vanta nella sua carriera collaborazioni con celebri artisti e orchestre.

Kris Kelvin è il protagonista di Solaris e in Music for Solaris la sua storia e il suo viaggio diventano un affondo nei contrasti della psiche umana, quasi a porre l’accento su quella volontà di Tarkovskij di eliminare il più possibile dal suo film gli elementi caratteristici del genere fantascientifico, e creare un paesaggio familiare, immediatamente riconoscibile dallo spettatore.

Sul palco dell’Auditorium l’esecuzione musicale sarà ad opera di Frost (chitarra elettronica e laptop), Bjarnason (direzione orchestrale e piano preparato) con la speciale collaborazione dell’Orchestra di Santa Cecilia mentre scorreranno i video di Brian Eno e Nick Robertson con le immagini tratte dal film ritagliandone i volti degli attori o distorcendole in colori astratti.

Articoli correlati

Commenti