IN Roma

Vedi Tutte
IN Roma

Rilassarsi alle terme un piacere secolare

Rilassarsi alle terme un piacere secolare

Ecco alcuni suggerimenti sui migliori complessi del Lazio dove prendersi cura del proprio corpo

Sullo stesso argomento

 

venerdì 21 aprile 2017 12:55

“Abbi cura del tuo corpo, è l’unico posto in cui devi vivere”: questo scriveva Jim Rohn ricordando a tutti che il tempo speso per rilassarsi e coccolarsi non è mai tempo perso. Fin dall’antichità chi va alle terme non solo pensa a tutti i benefici per la cura dei malanni, ma vuole soprattutto trascorrere un soggiorno all’insegna del benessere, fisico e mentale.  E il Lazio in tal senso non si fa trovare impreparato: sono numerosi infatti i complessi termali sparsi per tutta la regione in grado di garantire percorsi rigeneranti, terapie termali e relax. 

Innanzitutto, le acque delle Terme dei Papi sono tra le più preziose e vaste d’Italia: è d’obbligo un bagno tonificante nella Monumentale Piscina Termale di oltre 2.000 metri quadrati, alimentata esclusivamente con acqua della sorgente Bullicame. Trattamento unico nel suo genere è inoltre quello fornito nella Grotta naturale: un vero e proprio bagno turco dove cascatelle di acqua sorgiva alla temperatura di 58°C riscaldano e saturano l’ambiente di vapori benefici. 

Tra i migliori stabilimenti del Lazio spicca poi il Parco Termale di Stigliano: il luogo migliore per godersi la natura e le rilassanti acque termali. Le numerose fonti presenti, ognuna con differenti temperature dai 30°C a 38°C gradi circa, permettono la presenza di 600 metri quadri di specchi d’acqua con getti cervicali, idromassaggi e nuoto controcorrente. 

Il tutto in uno scenario naturale ricco di verde in cui concedersi una coccola speciale: i massaggi all’aria aperta. Impossibile inoltre non concedersi qualche giorno di pausa a Fiuggi Terme, la patria della tradizione termale a valle della città. Si tratta di un complesso di due meravigliosi stabilimenti idrotermali, circondati da boschi di castagni, querce e pini: la Fonte Bonifacio VIII e la Fonte Anticolana. 

Ma la vera chicca del Lazio è lo stabilimento termale Acque Albule di Tivoli. Di tipo sulfureo e ipotermale, le acque che scaturiscono dai due laghi Regina e Colonnelle si distinguono per il colore biancastro, dovuto all’emulsione gassosa che si forma in superficie quando, al diminuire della pressione, si liberano gas che permettono trattamenti terapeutici e cure inalatorie. Non rimane che l’imbarazzo della scelta su dove vivere il proprio soggiorno di salute e benessere!

Articoli correlati

Commenti