IN Roma

IN Roma

Vedi Tutte
IN Roma

L'estate al Vittoriano con ArtCity

L'estate al Vittoriano con ArtCity

Dal 9 giugno al 1° settembre musica, letteratura, cinema e architettura protagoniste del ciclo culturale del Polo Museale del Lazio

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 7 giugno 2017 16:29

Il caldo è arrivato, l’estate si avvicina e cresce l’esigenza di cittadini e turisti di incontrare da vicino l’affascinante mondo della cultura. La risposta più significativa si chiama ARTCITY-Estate 2017, un progetto che conta oltre cento iniziative di arte, architettura, letteratura, musica, teatro, danza e audiovisivo. Tra questi figura Il Vittoriano tra Musica, Letteratura, Cinema e Architettura, il progetto che vede protagonista il Polo Museale del Lazio diretto da Edith Gabrielli dal 9 giugno al 1° settembre.

Il Vittoriano - realizzato fra il 1882 e il 1911 in onore di Vittorio Emanuele II, primo re d’Italia, tra i più spettacolari monumenti alla nazione -, già nella scorsa stagione aveva ospitato una serie di iniziative culturali, ma per l’estate 2017 il Polo laziale aumenta la propria offerta culturale, coinvolgendo nuovi spazi ovvero la Terrazza Italia e il Piazzale del Bollettino. Tutti gli incontri sono a ingresso libero fino al raggiungimento della capienza massima.

Gli appuntamenti di ArtCity al Vittoriano convergono su quattro argomenti principali: musica, letteratura, cinema e architettura. I quattro incontri riguardanti l’architettura volgono lo sguardo all’universo femminile: il ciclo curato da Gabriella Musto avrà infatti il titolo Con gli occhi delle donne. L'architettura e il design al femminile nella società dei millennials. Passando al cinema i protagonisti principlai saranno Anna Magnani, diva/antidiva del cinema italiano, in particolare durante il neorealismo, Il regista, critico e giornalista Mario Sesti cura nella Sala Zanardelli la mostra Anna Magnani: una vita per il cinema, e regista Giuliano Montaldo (Presidente dell’Accademia del Cinema Italiano – Premi David di Donatello), che curerà la selezione di tre documentari presentati nell’edizione 2017 degli stessi Premi David di Donatello. Grande spazio anche alla musica con Ernesto Assante a cui è affidata la rassegna di quattordici concerti che dal 9 giugno vedranno esibirsi i grandi maestri del jazz e della musica classica con la speciale presenza del maestra Ezio Bosso. La musica si fonderà poi con la letteratura il 4 agosto quando Piazzale del Bollettino lo scrittore e giornalista Paolo Rumiz legge la “sua” via Appia accompagnato dalla European Spirit of Youth Orchestra.

Articoli correlati

Commenti