IN Roma

IN Roma

Vedi Tutte
IN Roma

Dalla Francia all'Italia: ecco Maledetto Peter Pan

Dalla Francia all'Italia: ecco Maledetto Peter Pan
© Gabriele Gelsi

Michela Andreozzi sarà la protagonista del divertente spettacolo tratto dal fumetto Le Demon de Midi. Dal 10 al 28 giugno al Teatro della Cometa

Sullo stesso argomento

 

martedì 9 gennaio 2018 14:50

Dopo gli ottimi risultati, di critica e pubblico, riscossi in Francia Maledetto Peter Pan (in originale Le Demon de Midi) arriva anche in Italia. A ospitare il famoso spettacolo tratto dal fumetto Le Demon de Midi di F. Cestac - Ed. Dargaud sarà il Teatro della Cometa dal 10 al 28 gennaio. Nato come un fumetto dalla geniale mente di Florence Cestac è diventato poi spettacolo teatrale grazie al talento dell’attrice comica Michele Bernier e della regista Marie Pascale Osterrieth per poi arrivare successivamente anche in tv.

In Italia Maledetto Peter Pan c’era già stato: prima al Teatro Sette e poi, dopo il grande successo, anche al Teatro Sala Umberto. Questa volta, a partire da mercoledì 10 gennaio, toccherà invece al Teatro della Cometa. La regia è quella di Massimiliano Vado e la protagonista assoluta sarà Michela Andreozzi.

Lo spettacolo è un ibrido tra una commedia, uno stand-up e un monologo in cui l’attrice porta in scena tutti i personaggi con l’obiettivo di raccontare, ridendo a crepapelle, un dramma noto a tutti: le corna, ma non tutte, bensì quelle generate dalla pericolosissima “Crisi di Mezza Età”, conosciuta anche come “Sindrome di Peter Pan”, una temibile patologia che colpisce gli uomini giunti alle soglie dell'età matura. Sul palco verranno raccontate tutte le fasi dell’elaborazione del lutto: la depressione sul divano, il confronto con parenti e amici, la ricerca di un ex disponibile alla consolazione e la fase finale: l’autocritica che sfocia nella flagellazione. 

Insomma uno spettacolo divertentissimo con tante domande e altrettante risposte che forniscono un’istantanea della nostra società. Maledetto Peter Pan riguarda anche tutti coloro che hanno viaggiato, e viaggiano tuttora, lungo quella strada chiamata amore.

Articoli correlati

Commenti