IN Roma

Eventi

Vedi Tutte
Eventi

Mucha e Barbie, le due nuove mostre di Arthemisia Group

Mucha e Barbie, le due nuove mostre di Arthemisia Group

Al Vittoriano nei prossimi mesi si potranno scoprire i segreti del maggior esponente dell'Art Noveau e della bambola più amata 

Sullo stesso argomento

 

venerdì 22 aprile 2016 16:25

Ricomincia nel miglior modo possibile l’attività al Complesso del Vittoriano - Ala Brasini dopo l’arrivo di Arthemisia Group, colosso delle mostre d’arte, con uno staff quasi tutto al femminile. Da venerdì scorso fino a ottobre ci saranno due mostre a entusiasmare ed esaltare il mondo femminile: quella dedicata ad Alphonse Mucha, esponente dell’Art Noveau e l’altra che vede protagonista Barbie.

Al Complesso del Vittoriano - Ala Brasini, che sarà possibile visitare fino al prossimo 11 settembre, è curata da Tomoko Sato e promossa dall’Istituto per la storia del Risorgimento italiano con il patrocinio della Regione Lazio riguarda una grande retrospettiva in onore dell’artista ceco Alphonse Mucha. La mostra si compone di oltre 200 opere tra dipinti, manifesti, disegni, opere decorative, gioielli e arredi, che concorrono a ripercorrere l’intero percorso creativo del massimo esponente dell’Art Noveau. 

La seconda mostra, prodotta e organizzata da Arthemisia Group e il 24ORE Cultura - Gruppo 24ORE in collaborazione con Mattel, è dedicata alla bambola più amata dai bambini di tutto il mondo. La racconta, curata da Massimiliano Cappella, vede esposte ben 380 Barbie, dalla prima che risale al 1959 a quelle attuali, passando attraverso i 56 anni di storia e raccontando di un fenomeno culturale, sociale ed antropologico che interessa trasversalmente tutte le culture e tutti i paesi del mondo. L’esposizione durerà fino al prossimo 30 ottobre.

Questi gli obiettivi che vuole raggiungere l’Arthemisia Group raccontati dalla Presidente Iole Siena: «Quello che ci proponiamo è di portare il Vittoriano al centro della scena culturale romana ed europea, rendendolo un luogo aperto a tutti ed offrendo una programmazione di mostre di grande qualità e di respiro internazionale».

 

 

 

Articoli correlati

Commenti