IN Roma

Eventi

Vedi Tutte
Eventi

Una corsa per la pace

Una corsa per la pace

Il 17 settembre per le strade della Capitale la Rome Half Marathon Via Pacis dice no a violenza e discriminazioni

Sullo stesso argomento

 

venerdì 15 settembre 2017 16:09

Pace, integrazione, inclusione, solidarietà. Sono i valori che hanno ispirato la “Rome Half Marathon Via Pacis”, uno degli appuntamenti sportivi più importanti dell’anno, promosso da Roma Capitale e dal Pontificio Consiglio della Cultura, Dicastero della Santa Sede, in collaborazione con la FIDAL – Federazione Italiana di Atletica Leggera – e col patrocinio del CONI e del CIP e la direzione artistica affidata a Lorena Bianchetti. La prima edizione si svolgerà domenica 17 settembre. La gara è aperta a tutti coloro che, attraverso l’attività sportiva, vogliono dire no al razzismo, alla violenza, alla discriminazione di ogni genere e provenienza. Ecco perché, per le strade della Capitale, correranno donne, uomini, famiglie, anziani, giovani, bambini, sportivi, persone con disabilità ma anche rifugiati, ognuno con il suo pettorale, ognuno con il suo messaggio di pace che rilascerà, a traguardo raggiunto, in alcune colonne trasparenti che simboleggiano le colonne della pace. Ispirata al tradizionale pellegrinaggio delle sette chiese, la “Via Pacis” creerà un ideale collegamento tra alcuni luoghi di culto emblematici della Capitale. La partenza infatti è fissata per le 9 da Piazza San Pietro e toccherà altre quattro tappe ognuna appartenente a una diversa fede religiosa: la Sinagoga, la Moschea, la Chiesa Valdese e la Chiesa Ortodossa, in due percorsi podistici dalla distanza equivalente a una mezza maratona di 21,097 km per la competitiva e di 5 km per la non competitiva. I corridori passeranno per alcuni tra i luoghi più belli ed evocativi di Roma, come il Lungotevere, il Colosseo, i Fori Imperiali e la suggestiva Passeggiata di Ripetta. Saranno presenti inoltre anche molti personaggi noti del mondo dello sport e dello spettacolo, come Stefano Baldini, Lino Banfi, Massimo Giletti, Nicola Piovani e tanti altri.

Articoli correlati

Commenti