IN Roma

Gusto

Vedi Tutte
Gusto

Un weekend a tutta sagra

Un weekend a tutta sagra

Dal tartufo alle tacche con i funghi porcini passando per il vino Cesanese: tre giorni all'insegna dell'enogastronomia

Sullo stesso argomento

 

venerdì 30 settembre 2016 12:55

Il primo weekend di ottobre è da sempre sinonimo di sagre. Infatti questi giorni sono storicamente caratterizzati da grandi eventi enogastronomici che puntualmente ogni anno si ripetono e portano tra Roma e dintorni migliaia di appassionati per una gita fuori porta all’insegna del buon cibo e del buon vino.
Il nostro viaggio tra le sage del fine settimana parte da Canterano, un piccolo e grazioso borgo dell’Alta Valle dell’Aniene al confine con Subiaco e i Monti Simbruini. Qui tra il 1° e il 2 ottobre arriva la Sagra del Tartufo. Un “miracolo della natura” (Plinio), un “figlio del fulmine” (Giovenale) o, come sosteneva Plutarco, il frutto del connubio perfetto “fra le piogge, il calore e la terra”? Di certo il tartufo ha sedotto gli amanti della buona tavola sin dai tempi degli Antichi Romani, e a distanza di tanti secoli il suo fascino resta più forte che mai. Pasta all’uovo, bruschette e molto altro. Tutto sarà a base di tartufo nero tartufo scorzone, raccolti esclusivamente nei dintorni del paese. A far da contorno alla pietanza principale il corposo vino rosso della zona e gli spettacoli di musica popolare dal vivo. Tra una portata e l’altra, tra un bicchiere e l’altro ci sarà l’occasione per andare alla scoperta delle bellezze del paese che si affaccia sulla conca dell’affluente del Tevere, dal quale si possono ammirare dall’alto i monasteri di San Benedetto e di Santa Scolastica, oltre al maestoso Monte Livata.
Questo sarà anche il primo dei due fine settimana dedicati alle Tacche ai Funghi Porcini. La sagra si svolgerà a Bellegra, “Città dei Panorami” a 815 metri d’altezza tra la Valle del Sacco e la Valle dell’Aniene in provincia di Roma. Sarà l’occasione per gustare due prodotti tipici della cucina del territorio. Le tacchie, nella antica ricetta delle nonne bellegrane, sono un tipo di pasta fatta a mano con acqua, farina e uova, che una volta “ammassate” vengono tagliate a mano in maniera casuale ma sempre in modo da darle la tipica forma a rettangoli irregolari. L’abbinamento classico che da sempre è caratteristico della cucina bellegrana è con i saporiti funghi porcini di cui i numerosi boschi di Bellegra sono ricchi in questo periodo dell’anno. Come di consueto ad accompagnare il pranzo o la cena tanti altri eventi che contribuiranno a rendere l’appuntamento unico.
Come da tradizione il primo weekend del mese di ottobre al Piglio (Frosinone) arriva la Sagra dell’Uva. La festa nasce per festeggiare l’inizio della vendemmia del Cesanese (vino rosso) e della Passerina del Frusinate (vino bianco). La Sagra del Cesanese celebra uno dei vini (DOCG) più prelibati dell’intera Regione e da sempre attira tantissimi visitatori sia dai paesi limitrofi che da Roma. Arrivata alla sua 43° edizione quest’anno, da stasera a domenica 2 ottobre, oltre a fiumi di vino prevede interessanti eventi in programma: una mostra estemporanea di pittura, di fotografia, di antichi mestieri, di macchine agricole. Poi carri allegorici, costumi dell’antica tradizione ciociara e tanti altri spettacoli renderanno l’atmosfera divertente e coinvolgente.


 


Articoli correlati

Commenti