IN Roma

Nuove aperture: OneSense a Garbatella
© Alberto Blasetti
Gusto
0

Nuove aperture: OneSense a Garbatella

Ha inaugurato lo scorso giugno il locale ideato da Donatella Montani e Valeria Olivotti, mamma e figlia. Un progetto nato per far vivere ai clienti un'esperienza sensoriale a tutto tondo

Nasce nel quartiere Garbatella OneSense, il ristorante ideato da Donatella Montani insieme a sua figlia Valeria Olivotti, detta Valla: «OneSense rappresenta una sfida vinta da una giovane ragazza sorda convinta che attraverso il cibo l'integrazione tra il nostro mondo e quello degli udenti sia più facile da raggiungere», dice Valla. Il progetto è iniziato tre anni fa e ha visto la luce nello scorso mese di giugno. Nato per far vivere ai clienti un'esperienza sensoriale a tutto tondo, offre un mix di elementi studiati da un team di esperti di gastronomia, enologia, architettura, artigianato e comunicazione.  Un’atmosfera magica quella che si respira all’interno del locale, dove uno staff composto da sordi e udenti che lavora fianco a fianco, accoglie i clienti all’interno delle tre sale in grado di ospitare dai 15 ai 35 clienti. Sulle pareti, dei monitor proiettano video originali prodotti dallo stesso staff del ristorante. Per coloro che vogliono cenare a lume di candela e godersi le stelle del cielo romano? Niente paure. OneSense offre la possibilità di consumare le delizie della cucina anche in una sala esterna. È inoltre uno dei pochi ristoranti al mondo dove si può ordinare anche in Lis, la lingua italiana dei segni, e nella lingua internazionale dei sordi. Valla è riuscita a coinvolgere nel progetto Campoli Azioni Gastronomiche, la società del noto Chef Fabio Campoli, che ha selezionato le materie prime provenienti per la maggior parte da aziende solidali e biologiche quali “spazio Sanpa”, “Agricoltura Capodarco” e “BioSolidale”. Un menù, composto da un gruppo ristretto di portate fino ad un massimo di otto antipasti, fritti, primi, pizze, crostini, secondi, contorni e dolci, in grado di fondere i sapori della tradizione proponendoli in chiave moderna. Il “forno solidale” della cucina OneSense sforna pizze in teglia, bruschette e crostini golosi, mentre dai fornelli prende vita una carta ricca di delizie, dai taglieri di salumi e formaggi ad antipasti fritti, primi, secondi e dessert. La forza di OneSense è anche il prezzo, che va dai 20 ai 35 euro. Un’esperienza unica nel cuore della Garbatella, dove vivere una serata all’insegna della buona cucina e del calore umano che i ragazzi di OneSense non mancano di regalare.

Vedi tutte le news di Gusto

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti