Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

MotoGp

Vedi Tutte
MotoGp

MotoGp, Ducati elogia Lorenzo: «Si è adattato alla moto»

MotoGp, Ducati elogia Lorenzo: «Si è adattato alla moto»
© EPA

Davide Tardozzi e Paolo Ciabatti, team manager e direttore sportivo del gruppo, entusiasti dell'ex Yamaha

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 10 gennaio 2018 13:59

ROMA - Un grande elogio - per lo sforzo, l'impegno e il risultato - tributato a Jorge Lorenzo, destinatario delle belle parole spese da Davide Tardozzi, team manager della Ducati MotoGP. Lo spagnolo - che ha chiuso la stagione appena messa in archivio con il settimo posto e tre podi all'attivo - è pronto a ripartire mettendo a frutto ciascuno degli insegnamenti e dei frutti messi in cascina: Tardozzi ha ribadito che «Jorge ha fatto un enorme sforzo per cambiare il suo stile di guida, per adattarlo alla Ducati e alla fine ha ottenuto dei risultati».

LA VELOCITA' E' TUTTO Per il team manager, intervenuto su  Crash.net, l'ex Yamaha «non ha ancora ciò di cui ha bisogno per essere veloce, ma riuscire a garantirglielo è un nostro problema. Dobbiamo consentirgli di essere ancora più veloce perché è riuscito ad adattarsi alla moto e, da ora in avanti, tutte le volte che riusciremo a fare dei passi avanti Jorge ne beneficerà in velocità». Nessun dubbio sulle modalità di intervento: «Dobbiamo lasciargli tenere la moto in mano all'ingresso dell'angolo e portare la velocità d'angolo molto più repentinamente, sappiamo che si può». Frasi e concetti ripresi - e confermati - anche dal direttore sportivo, Paolo Ciabatti: «Sappiamo che dovremo sviluppare la moto per aiutare lo stile di guida di Jorge, abbiamo fatto alcuni passi nella giusta direzione. Penso che con il nuovo pacchetto aerodinamico Jorge già abbia avuto una sensazione migliore nella parte anteriore».

DOVI E JORGE Infine, sempre Tardozzi ha speso due parole sulla sana rivalità tra i due compagni di squadra, Lorenzo e Andrea Dovizioso: «Per Andrea avere un pluricampione come Lorenzo in team è stato positivo perché penso che Jorge abbia in qualche modo aiutato Dovi a convincersi di poter essere un grande pilota, non solo un pilota veloce».

TUTTO SULLA MOTOGP

MOTOGP, IANNONE: «VOGLIO VINCERE, E' L'UNICA COSA CHE CONTA»

Articoli correlati

Commenti