Corriere dello Sport

L'edizione digitale è su tablet e smartphone. Provala gratis

Due ruote

Vedi Tutte
Due ruote

MV Agusta Dragster 800: ecco il video!

La Casa di Schiranna ha diffuso il primo teaser ufficiale relativo alla nuova, attesa "muscle naked" pronta a fare il suo debutto a primavera.

 Federico Porrozzi

giovedì 23 gennaio 2014 00:09

Durante la presentazione della Turismo Veloce, in occasione dell'EICMA di Milano, Giovanni Castiglioni era stato abbastanza chiaro: "Questa non è l'unica novità del 2014. Nei prossimi mesi, MV sarà protagonista con altri modelli nuovi di zecca". Alle parole, come spesso capita dalle parti di Schiranna, sono seguiti i fatti. E che fatti, a ben guardare l'ultimo video ufficiale diffuso da MV. Le immagini riguardano la nuova "muscle naked" pronta per essere presentata e poi lanciata sul mercato intorno ad aprile 2014. Si chiama Dragster 800 e ciò che sappiamo è che sarà equipaggiata con lo stesso tre cilindri montato sulla Brutale. Per la conformazione e per gli ingombri, potrebbe addirittura superarla in potenza (quasi 130 Cv?) e adottare mappature diverse mentre girano voci sull'ABS di serie.

Esteticamente, c'è da notare il terminale a tre praticamente identico a quello della Rivale, lo splendido monobraccio che caratterizza anche gli altri modelli e l'inconfondibile serbatoio dalla linea filante e squadrata. Davanti, dovrebbe lavorare un impianto frenante "racing" mentre da notare il disegno del codone, piccolo, stretto e più corto della ruota, in puro stile Superbike degli ultimi anni. Con l'arrivo di questo nuovo modello, è ben chiara una cosa: dopo anni di presenza sul mercato con un modello supersportivo (F4), nelle ultime stagioni la Casa italiana sta facendo sul serio, tirando fuori modelli in successione (F3, Brutale, Rivale, Turismo Veloce e ora Dragster) e lanciando di conseguenza il guanto di sfida agli altri Costruttori in ogni segmento: per l'altra novità, attesa più avanti, si vocifera una Turismo Veloce con motore da 675 cc o una maxi enduro… per ora, rimaniamo in attesa di vedere dal vivo la Dragster. Che non è poco.

Per Approfondire