Novità

Vedi Tutte
Novità

Moto Guzzi V85, la crossover per i grandi viaggi

Moto Guzzi V85, la crossover per i grandi viaggi

La casa italiana ha svelato un concept accattivante nelle linee e pronto in futuro a sfidare BMW e Honda nel segmento turismo

Sullo stesso argomento

 

domenica 24 dicembre 2017 09:38

Durante un Salone della moto talvolta capita che, affianco ai nuovi modelli pronti per le concessionarie, esordiscano concept capaci di rapire la scena e innescare attesa e suggestioni. Ancora di più, quando si tratta di “progetti” in parte inattesi come il V85 presentato da Moto Guzzi all’ultimo EICMA. La cui funzione principale era sicuramente quella di svelare al mondo il nuovo 2 cilindri a V trasversale da 850 cc e 80 CV di potenza, raffreddato ad aria, che andrà ad equipaggiare la nuova famiglia di modelli pronta a vedere la luce nei prossimi anni. Ma anche di anticipare il desiderio della Casa di Mandello di tornare a un genere caro al popolo dell’Aquila, rimasto orfano della Stelvio.

FORMA E CONTENUTI - Se lo guardi bene, il V85 Concept, capisci subito che l’operazione non punta il dardo solo al cuore dello zoccolo duro guzzista ma anche a quello di potenziali nuovi (e giovani) acquirenti. Le linee, infatti, parlano il linguaggio modern-classic tanto caro al trend motociclistico più recente, ben miscelato ad atmosfere avventurose tipiche di qualche decennio fa: parafango anteriore, traliccio, piastra sottomotore, paramani e poi quel doppio faro tondo che ti guarda come a dire: quando partiamo? Poi ti soffermi sui particolari e la parte “modern” della Guzzi V85 è subito evidente, una moto che - se dovesse arrivare sul mercato - lo farebbe per sfidare, con stile, la migliore produzione attuale all'interno del segmento crossover.

UNA COSA È PROBABILE - Se in Guzzi riusciranno a mantenere la versione di serie vicina, il più possibile, al concept mostrato a EICMA, potrebbero essere molti i salvadanai pronti ad infrangersi al suolo prima di una corsa in concessionaria. Per il momento, però, non ci rimane che attendere...

Articoli correlati

Commenti