Corriere dello Sport

L'edizione digitale è su tablet e smartphone. Provala gratis

Special

Vedi Tutte
Special

Yamaha, la “vespa” di Kenny Roberts

Yamaha, la “vespa” di Kenny Roberts

E’ la nuova concept del progetto “Faster Sons” firmata dal genio di Roland Sands e del campione americano

Sullo stesso argomento

di Federico Porrozzi

martedì 10 novembre 2015 16:57

E’ ispirata a una delle moto guidate negli anni Settanta da uno dei mostri sacri del motociclismo, Kenny Roberts. Si chiama “Faster Wasp” ed è una realizzazione di Roland Sands per conto di Yamaha e del progetto Faster Sons.

CALABRONE - Il customizer californiano, ex-pilota professionista, ha messo su questo concept tutta la sua passione per le gare del passato: le linee, infatti, ricordano la TZ750 da dirt track con l'inconfondibile livrea giallonera color “calabrone” con cui Kenny Roberts, negli anni settanta, impressionò il mondo intero.

LA FIRMA DI KENNY - “In passato ho corso con le TZ250 e sono salito in sella a molte Yamaha off-road, per questo motivo mi sono sentito piuttosto ispirato per questo progetto – ha detto Sands - ci abbiamo lavorato sopra sia io che Kenny Roberts, uno dei miei eroi, mettendo il nostro comune passato racing e accoppiandolo con il motore a tre cilindri”.

INVESTIMENTO - Un esperimento riuscito talmente bene da convincere Yamaha ad investirci sopra per le produzioni future. “Stiamo lavorando sulle Faster Sons – ha detto Shun Miyazawa, Product Manager di Yamaha - questo concept ci aiuterà ad accelerare il lancio dei prossimi modelli sul mercato».

SOLO PER LEI - Molti i particolari disegnati e realizzati dalla Roland Sands Designs, come il serbatoio in alluminio battuto a mano, il codone, le prese d'aria, la cover del radiatore, la tabella anteriore portanumero e il parafango anteriore. 

AD HOC - Fatti ad hoc anche il carterino della distribuzione, le pedane arretrate, il serbatoio del freno posteriore, le protezioni motore, il tendicatena, il tappo distribuzione, i tamponi mozzo e il tappo del serbatoio. 

PARTICOLARI DI PREGIO - Da notare anche i cerchi forgiati in alluminio, i collettori Two Bros Racing in acciaio e la marmitta RSD Slant. Pinze e pompa radiali sono di Performance Machine mentre il kit sospensioni è della Öhlins. Il look è caratterizzato dalla sella in pelle di Bitchin Seat Co. e dalla livrea giallo/nera di Airtrix e Cerakote di Specialized Coatings.

Articoli correlati

Commenti