Gare

Vedi Tutte
Gare

WRC, Toyota vince 18 anni dopo con la Yaris

WRC, Toyota vince 18 anni dopo con la Yaris

Jari-Matti Latvala e il suo fido navigatore Miika Anttila hanno portato la piccola giapponese sul gradino più alto del podio

Sullo stesso argomento

 Alessandro Vai

lunedì 13 febbraio 2017 15:51

ROMA - Sono passati diciotto anni da quel settembre del 1999 in cui Toyota vinse la sua ultima gara nel mondiale Rally con la Corolla WRC. Il digiuno è stato interrotto dalla nuova Yaris WRC che, al debutto in questa stagione, si è imposta nel secondo appuntamento del campionato, il Rally di Svezia. Un piccolo aiuto è arrivato dal ritiro della Hyundai di Neuville per la rottura dello sterzo che era in testa, ma il rally è una disciplina dove contano anche l’affidabilità e la costanza.

TEAM - Così Jari-Matti Latvala e il suo fido navigatore Miika Anttila hanno portato la piccola giapponese sul gradino più alto del podio, battendo la temibile concorrenza delle Ford Fiesta WRC (anch’esse al debutto) e rendendo felice tutto il Toyota Gazoo Racing Rally World Team. La vittoria del rally svedese è arrivata grazie a un rendimento molto costante e alla vittoria assoluta in ben sei prove speciali: SS1, SS4, SS13, SS16, SS17 and SS18. «Tante volte ho provato a immaginare questo momento – ha commentato il numero uno del team Akio Toyoda – ma non pensavo che sarebbe arrivato così presto».

LA LOTTA A QUATTRO PER IL MONDIALE

LATVALA - Molto felice anche l’ex-pilota e o ora Team principal Tomi Makinen «Certamente la fortuna ha avuto il suo peso ma senza il talento di Jari-Matti e il lavoro congiunto di tutto il team non saremmo mai arrivati a questo risultato». «Non ho parole, so che siamo stati molto fortunati e che non dobbiamo mollare un centimetro – ha detto Latvala – ma penso di aver fatto la mia migliore “power stage” di sempre. Ovviamente siamo super-motivati per continuare su questa strada ma allo stesso tempo mi dispiace molto per Neuville; sono stato nella sua stessa situazione in passato e immagino come si possa sentire».

Articoli correlati

Commenti