Mercato

Vedi Tutte
Mercato

Peugeot Citroen, cambio nome e 26 modelli in arrivo

Peugeot Citroen, cambio nome e 26 modelli in arrivo

Si stringe l'identità tra i due marchi: nasce Gruppo PSA, che entro il 2020 lancerà ben 26 modelli tra novità Citroen, DS e Peugeot. 

Sullo stesso argomento

 Francesco Colla

martedì 5 aprile 2016 14:20

ROMA - La denominazione PSA Peugeot Citroën risale al 1991 e oggi, dopo 25 anni, il colosso francese dell'auto cambia nome (e logo), mutando semplicemente in Gruppo PSA, a sottolineare la fusione totale tra i marchi, divenuti tre lo scorso anno con l'emancipazione del brand DS da Citroen. Ma nomi e simboli a parte i transalpini hanno le idee chiare per il futuro e hanno già annunciato il piano quinquennale "Push to pass", volto a incrementare margini operativi e fatturato. Carlos Tavares, presidente del Gruppo, ha illustrato i contenuti del programma e gli strumenti attraverso i quali arrivare a un margine operativo medio del 4% dalla divisione auto nel triennio 2016-2018 e del 6% nel 2021, con un fatturato in crescita del 10% tra 2015 e 2018 e di un ulteriore 15% nel 2021. 

ANCHE ELETTRICHE - Per raggiungere risultati tanto ambiziosi servono nuovi modelli e Peugeot, Citroen e DS ne hanno in cantiere ben 26 da lanciare entro il prossimo lustro, seguendo la formula di un nuovo prodotto per ogni marchio ogni anno. Compresi i modelli ibridi plug-in ed elettrici: in cantiere ci sono 7 modelli  con architettura termico-elettrica e 4 totalmente a zero emissioni. C'è, poi, la divisione dei veicoli commerciali, che sarà parte integrante del piano di crescita, con 8 nuove proposte, incluso un pick-up con una portata di 1.000 kg. «Con il piano Push to Pass, assicureremo la crescita organica redditizia di PSA», ha commentato il numero uno del Gruppo «sulla base di fondamentali ritrovati, ci lanceremo in un’offensiva prodotto e tecnologica globale. Adesso siamo più agili e siamo pronti a cambiare paradigma, anticipando i cambiamenti negli utilizzi dell’automobile. La nostra trasformazione digitale farà del Gruppo PSA un’azienda connessa con i suoi clienti».

Articoli correlati

Commenti