MondoMotori

Vedi Tutte
MondoMotori

La Roma diventa green: partnership con Nissan

La Roma diventa green: partnership con Nissan
© AS Roma via Getty Images

Presentata la nuova partnership tra AS Roma e Nissan Italia

Sullo stesso argomento

 

martedì 29 novembre 2016 12:58

ROMA - Nissan e AS Roma firmano un accordo di premium partnership per promuovere e diffondere la mobilità elettrica in Italia, condividendo i principi di sostenibilità, protezione del clima e dell’ambiente.
 
Nissan e la Roma si alleano, dunque, per diffondere i principi di una nuova mobilità a zero emissioni, coinvolgendo gli stessi giocatori e la squadra come portabandiera ideale della mobilità elettrica attraverso la fornitura di una flotta di vetture a zero emissioni Leaf (qui la nostra prova su strada). 


 
Bruno Mattucci, Amministratore Delegato di Nissan Italia ha dichiarato: “Siamo lieti di collaborare con AS Roma perché questa partnership si lega al nostro coinvolgimento nel mondo dello sport e alla sostenibilità a zero emissioni. Siamo leader nella mobilità elettrica e da anni siamo sul fronte per la lotta al cambiamento climatico: creare una società con minori impatti ambientali è una sfida che possiamo vincere insieme a un grande player come AS Roma, diffondendo i vantaggi e i benefici della mobilità a zero emissioni anche in termini sociali ed economici”. E' lecito attendersi un "Nissan Stadium" in futuro? “Sarei la persona più felice del mondo se accadesse. Valuteremo questo progetto, poi in funzione di quello che si potrà fare si prenderanno delle decisioni“.
 
Umberto Gandini, Amministratore Delegato del club sottolinea: “Siamo orgogliosi di dare il benvenuto a Nissan tra i partner del team giallorosso, marchio prestigioso con il quale condividiamo l’impegno di offrire, ognuno nel rispettivo ambito, prodotti sempre nuovi e all’avanguardia in grado di soddisfare un pubblico sempre più vasto. Questa nuova collaborazione ci dà modo di dimostrare, una volta ancora, quanto la nostra azienda ha intenzione di confermarsi ai massimi livelli sportivi e commerciali”.

 

Articoli correlati

Commenti