News motori

Vedi Tutte
News motori

Brexit, se vince il Leave rischia la Basilicata?

Brexit, se vince il Leave rischia la Basilicata?

A Melfi, provincia di Potenza, c'è lo stabilimento Fiat Chrysler che produce Fiat 500X e Jeep Renegade anche destinate al Regno Unito

Sullo stesso argomento

 F.C.

giovedì 23 giugno 2016 10:28

ROMA - Le Fiat 500X ma soprattutto le Jeep Renegade destinate al Regno Unito si fanno in Basilicata. Al SATA di Melfi, fiore all’occhiello tecnologio del Gruppo Fiat Chrysler, con una superficie totale di circa 1,7 milioni di metri quadrati, lo stabilimento ha una capacità produttiva annua pari a 400.000 veicoli e impiega un totale di quasi 8.000 lavoratori, cui si aggiungono le circa 3.300 persone che lavorano presso i fornitori e gli operatori logistici.
Nel 2015 il marchio Jeep nel Regno Unito del 176,1% con 10.794 vetture immatricolate, mentre Fiat, pur essendo calata del 4,3%, ha immatricolato 64.257 auto, di cui 42.906 sono 500. Oggi in Gran Bretagna si vota per il cosiddetto referendeum del Brexit: Leave si esce dall’Europa, Remain si rimane in seno all’Unione. 

Fiat 500X, la nostra prova su strada

BOOM EXPORT LUCANO - In caso vinca il fronte Leave le ripercussioni sull’export italiano nel Regno Unito potrebbero essere pesanti. E la Basilicata, soprattutto grazie a Melfi e alle sue auto, è diventata una delle protagoniste dell’export nazionale: nei dati Istat del primo trimestre 2016 la star assoluta è la Basilicata, in grado di più che raddoppiare il proprio export grazie al rilancio del sito industriale in provincia di Potenza, mettendo a segno un +118,6% e capace di esportare auto per 924 milioni mentre appena due anni prima si fermava a quota 82, diventati 378 nel primo trimestre del 2015.

Jeep Camp, 75 anni di libertà made in USA

RISCHI - Sergio Marchionne alcuni giorni fa aveva dichiarato che la Brexit “non avrebbe un impatto su Fca, che ha il suo domicilio fiscale proprio a Londra; per Cnh Industrial abbiamo un'altra fabbrica in Austria che potrebbe compensare; ma speriamo che non sia necessario”. Ma non sono pochi gli economisti che valutano negativamente un’uscita del UK dall’Unione: “Le più colpite – dichiara Andrea Goldstein di Nomisma – sarebbero le regioni più piccole e vulnerabili: la Basilicata che esporta nel Regno Unito le auto FCA prodotte a Melfi e la Valle d’Aosta meta dei flussi turistici inglesi”.  

Lo stabilimento FCA di Melfi: video

Articoli correlati

Commenti