News motori

Vedi Tutte
News motori

Ferrari J50, la 488 Spider diventa "big in Japan"

Ferrari J50, la 488 Spider diventa "big in Japan"

Maranello celebra i 50 anni di attività in Giappone con un'esclusiva serie limitata su base 488 Spider.

Sullo stesso argomento

 Francesco Colla

martedì 13 dicembre 2016 12:25

ROMA - L'insegnamento di Sergio non è andato perduto. E non si parla di Marchionne, bensì di Pininfarina. Perché ammirando le immagini della Ferrari J50 è impossibile non pensare alla barchetta presentata due anni fa e realizzata in soli sette esemplari su base 458. Ora, per celebrare i 50 anni di attività Ferrari in Giappone, Maranello presenta la J50 (dove la "J" sta per Japan e 50 per il mezzo secolo), una serie limitata in soli 10 esemplari, realizzata sulla base dell’attuale 488 Spider, naturale erede della già citata 458. 

La carrozzeria si contraddistingue per un linguaggio di design radicale: ’obiettivo dei designer era quello di creare una roadster molto ribassata, che incarnasse i valori di leggerezza e agilità tipici della Ferrari. Per raggiungere tale obiettivo, una forte dinamicità è stata impressa sul fianco della vettura, nata dall’interazione tra le due principali direttrici: il bordo inclinato superiore del finestrino, in continuità con il filo parabrezza, e la linea di fuga nera inclinata che, dalla parte inferiore del muso, corre lungo le portiere fino a perdersi nelle prese aria laterali.

Mentre l’effetto visiera, generato dalle superfici vetrate, ricorda le barchette Ferrari da competizione del passato e la linea di demarcazione nera è una nuova interpretazione di un ricorrente segno stilisticoutilizzato su vetture iconiche come la GTO, F40 e F50, disegnate proprio da Pininfarina. Lo sviluppo aerodinamico è mirato per realizzare soluzioni specifiche funzionali a supporto dello stile. In primo luogo i radiatori anteriori sono stati riposizionati più vicini fra di loro, per consentire un disegno totalmente inedito del paraurti anteriore. Il risultato ha prodotto una sezione del cofano bassa al centro e con la sommità dei passaruota in rilievo che enfatizzano la muscolosità tipica delle sportive Ferrari con motore posteriore-centrale. Due canali d'aria in fibra di carbonio scolpiscono la massa anteriore e rendono il cofano ancora più deciso nell’aspetto, sottolineato anche dai proiettori LED di disegno specifico, con un profilo molto dinamico e rastremato.

Decisamente originale il posteriore, con il design dei quattro gruppi ottici, sovrastato da un profilo alare ad alto carico aerodinamico, che allarga visivamente il corpo vettura. Il diffusore presenta un estrattore la cui forma è ispirata ai postbruciatori dei motori a reazione aeronautici, donando all’insieme una possente presenza. Cerchi forgiati da 20” dal disegno unico sono stati realizzati esclusivamente per questo modello in edizione limitata. I dieci esemplari sono equipaggiati con una versione specifica del V8 da 3,9 litri della 488, potenziato fino a raggiungere quota 690 cv. Prezzo, ovviamente, sconosciuto ma che sarà ben superiore ai 232 mila euro necessari per acquistare la 488 Spider. 

Articoli correlati

Commenti