News motori

Vedi Tutte
News motori

Ford "converte" all'ibrido anche la polizia americana

Ford "converte" all'ibrido anche la polizia americana

Omologate le Fusion ibride in versione "pursuit", cioè da inseguimento. Sono già state scelte da New York e Los Angeles.

Sullo stesso argomento

 Alessandro Vai

lunedì 10 aprile 2017 16:08

ROMA - Anche la polizia diventa “ibrida” nel senso che sceglie auto elettrificate. A Los Angeles e New York, infatti, sono entrate in servizio le nuove Ford Police Responder Hybrid Sedan, ovvero la versione dedicata alle forze dell’ordine della Fusion (la nostra Mondeo) ibrida. È la prima volta che un corpo di polizia americano si affida a un’ibrida omologata con le specifiche “Pursuit” (cioè per gli inseguimenti) ma Ford ha già annunciato che ne arriverà un’altra nel prossimo futuro. Ford, del resto, fornisce vetture alle forze dell’ordine sin dai tempi della Model T e oggi ha una quota del 63% in questa particolare classifica.

CONSUMI - Secondo Ford, la Police Responder Hybrid contribuirà ad abbassare le emissioni nelle città e potrà portare a risparmi di carburante sia durante la marcia che durante la sosta, per un controvalore di 3.900 dollari ogni anno. Il consumo ufficiale non è stato ancora omologato ma Ford si aspetta una media di 38 miglia per gallone, contro le 18 miglia per gallone che attualmente richiede la Police Interceptor spinta dal 3.7 V6. Tutto questo senza rinunciare alle capacità di inseguimento e di superamento degli ostacoli richieste a questo genere di mezzi.

LITIO - La Police Responder Hybrid è spinta da un 2 litri benzina a ciclo Atkinson che è coadiuvato da un motore elettrico alimentato da un pacco batterie agli ioni di litio. In condizioni di guida normali la Fusion arriva a circa 100 km/h senza neanche accendere il motore termico, mentre per avere le massime prestazioni è sufficiente affondare il pedale del gas. Con gli stessi principi, infine, Ford sta testando una flotta di venti Transit Connect ibridi in allestimento taxi, per fornirli alle maggiori metropoli americane. 

Articoli correlati

Commenti