News motori

Vedi Tutte
News motori

Patente sospesa per chi telefona mentre guida

Patente sospesa per chi telefona mentre guida

Allo studio una modifica al Codice della Strada da applicare già a maggio. Un mese senza patente già alla prima infrazione

Sullo stesso argomento

 Alessandro Vai

martedì 18 aprile 2017 11:54

ROMA – Brutte notizie per chi usa il cellulare in auto in maniera scorretta. Una cattiva abitudine che è sempre più all’origine delle fatali distrazioni che hanno portato il numero dei morti sulle strade italiane a crescere nel 2015, dopo quindici anni consecutivi di diminuzioni. Così, già a maggio potrebbe essere inserita una modifica al Codice della Strada tramite un decreto, in attesa che riparta l’iter legislativo del nuovo Codice. Una modifica che introdurrebbe la sospensione della patente – oggi si paga la multa e si perdono 5 punti - per un mese già alla prima volta che si viene pizzicati a guidare e usare contemporaneamente lo smartphone.

GUIDA - «A chi fa uso durante la guida di telefoni cellulari, smartphone o apparecchi simili occore applicare sanzioni più severe fino a prevedere la sospensione della patente di guida per un periodo determinato». Questo è emerso nel confronto tenutosi al Salone della Giustizia con il vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Riccardo Nencini. «Sono emersi interessanti suggerimenti per completare il lavoro in corso sulla sicurezza stradale - ha detto Nencini - sui quali avviare un confronto con il ministero degli Interni»

CODICE - A parte questo, nel nuovo Codice della strada verranno modificati o aggiornati argomenti come il contrasto dell'evasione assicurativa attraverso la rilevazione a distanza utilizzando i varchi Ztl, i tutor e gli autovelox; la semplificazione delle procedure di notifica dei verbali di contestazione; l'applicazione della misura del sequestro del veicolo per elusione del pedaggio autostradale e la revisione della normativa inerente i trasporti eccezionali. Infine dovrebbero anche essere modificate le norme che regolano la circolazione dei veicoli stranieri, in particolare quelle sulla leggibilità di targhe e contrassegno di immatricolazione.

Articoli correlati

Commenti