News motori

Vedi Tutte
News motori

Assicurazioni, in Italia 5 milioni di auto scoperte

Assicurazioni, in Italia 5 milioni di auto scoperte
©  ANSA

L'allarme dell'Asaps: negli ultimi anni forte incremento di veicoli non coperti da polizza. Il caso delle immatricolazioni estere

Sullo stesso argomento

 F.C.

martedì 23 maggio 2017 11:56

ROMA - Una premessa: un’auto priva di assicurazione, secondo la legge, non solo non può circolare, ma nemmeno rimanere parcheggiata su una pubblica via. Pena multa e sequestro del veicolo. E il motivo è facilmente intuibile: la rc-auto tutela copre non solo i sinistri conseguenti al movimento dell’auto, ma anche quelli derivanti dalla sosta, se avvenuti in una strada pubblica o aperta al pubblico.

5 MILIONI SCOPERTE - Tuttavia da una recente ricerca dell’Asaps emerge che in Italia il numero di auto non coperte da assicurazione continua ad aumentare: nel 2014 erano circa 3,9 milioni (l’8,7% del parco circolante), oggi ben 5 milioni, ossia il 13% del totale. "Una premessa doverosa - spiega Giordano Biserni, presidente dell'Asaps -: i 51,4 mln di veicoli registrati nel dataset della Motorizzazione civile (l'aggiornamento è datato febbraio 2017, ndr) comprendono anche quelli che, seppure immatricolati, non circolano perché magari restano in aree private, perché il proprietario ne fa un uso solo stagionale o perché sottoposti a fermo amministrativo, ma lo stesso valeva anche per i 'censimenti' degli anni precedenti. L'incremento quindi c'è, e preoccupa, anche perchè il fenomeno in alcune aree del Paese raggiunge percentuali da record". 

CAMPANIA MAGLIA NERA - La geografia del fenomeno vede la Campania maglia nera: "in provincia di Napoli il 25,6 % dei veicoli, di fatto uno su quattro, manca di R.C. auto". In due comuni della provincia, Qualiano e a Striano, la quota sale rispettivamente al 46 e a poco meno del 47%, mentre a Castel Volturno, nel Casertano, si arriva al 42%. Tuttavia il record (49%) appartiene a Oldenico, in provincia di Vercelli.

IMMATRICOLAZIONI ESTERE - "A rendere ancora più complicato il quadro - rincara la dose Biserni - provvede anche un'altra anomalia: il ministero dell'Interno di recente ha chiarito che non c'è assicurazione obbligatoria per le auto immatricolate all'estero, libere di circolare temporaneamente sulle nostre strade grazie alla cosiddetta 'assicurazione virtuale' in forza della quale il veicolo risulta comunque coperto in caso di incidente. E i tanti tir che arrivano da altri Paesi? E i mezzi pesanti noleggiati o presi in comodato da italiani?".  

Articoli correlati

Commenti