Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

News motori

Vedi Tutte
News motori

Fiat Ducato 4x4 Expedition, per veri avventurieri

Fiat Ducato 4x4 Expedition, per veri avventurieri

L'allestimento è stato pensato per una clientela votata a uno stile di vita sportivo e avventuroso, ma che non rinuncia ai contenuti tecnologici

Sullo stesso argomento

 Alessandro Vai

martedì 29 agosto 2017 15:38

ROMA - Al Salone del Caravan di Düsseldorf Fiat Professional ha presentato il Ducato 4x4 Expedition 2017, ovvero un prototipo che mostra il potenziale di trasformazione del popolare veicolo commerciale italiano, che infatti è il leader dei mercati europei nel campo delle trasformazioni. Come si intuisce dalla sigla, la base su cui è stato costruito è a trazione integrale, una caratteristica che apre nuovi orizzonti per le vacanze attive. Sono sempre di più, infatti, gli appassionati per cui il camper non è solo una soluzione pratica, ma anche un'espressione del proprio stile di vita alternativo.

INTEGRALE - L’allestimento del Ducato 4x4 Expedition 2017 è stato pensato per una clientela votata a uno stile di vita sportivo e avventuroso, ma che non rinuncia ai contenuti tecnologici. La trazione integrale è permanente, con due scatole di rinvio ed un giunto viscoso centrale che assicura la giusta ripartizione della coppia motrice tra ruote anteriori e posteriori, ottimizzando la trazione su fango, neve e sabbia. La catena cinematica è disassata, così da non occupare troppo spazio sotto allo chassis e da non limitare la facilità di allestimento.

MERCATO - Questo Ducato non verrà prodotto ma potrà servire da ispirazione ai tanti allestitori specializzati che stanno vivendo un ottimo periodo commerciale. Alla fine del 2017, infatti, il mercato europeo del camper varrà oltre 105.000 unità, con un aumento del 10% su un 2016 già positivo. Dopo la crisi globale iniziata nel 2009, il mercato è ripartito facendo registrare un aumento del 60% nelle vendite. Una quota piuttosto cospicua di questo aumento è dovuta ai “campervan”, cioè quei veicoli ricreazionali che hanno come base un furgone e che valgono circa il 30% del mercato.

Articoli correlati

Commenti