News motori

Vedi Tutte
News motori

Maven, la piattaforma GM per affittare la propria auto

Maven, la piattaforma GM per affittare la propria auto

Nuovo passo in avanti di General Motors per diventare un provider di mobilità: creare una community per mettere a disposizione la propria auto ad altri utenti

Sullo stesso argomento

 Pasquale Di Santillo

martedì 20 marzo 2018 12:59

ROMA - Il futuro della mobilità, prima che elettrico e autonomo, sarà condiviso. Come tutto, come le case che sono diventate uno degli affari più importanti anche attraverso enormi comunità digitali come quella di Airbnb.

Ed è proprio su quella falsariga che General Motors vuole realizzare la sua comunità digitale, fatta di macchine di proprietà affittate quando non usate dai loro legittimi proprietari. Il meccanismo sembra pronto a funzionare così: i proprietari inseriscono il loro annuncio sulla piattaforma Maven, la divisione car-sharing di G.M. E se la macchina si condivide con l’affittuario, i proventi dell’affitto vengono condivisi tra proprietario e Casa automobilistica.

A guardare bene, trattasi dell’ultima tendenza automotive, nella quale i costruttori da produttori si trasformano in una società di servizi di mobilità. Rispetto all’attuale situazione, dove Maven già affittava auto a privati, tipo Uber, cambia il fatto sostanziale che prima le vetture rimanevano di proprietà di G.M., ora sono dei proprietari stessi. È il futuro ragazzi, lasciatelo entrare: condiviso, s’intende.

Articoli correlati

Commenti