Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

News motori

Vedi Tutte
News motori

Emilia, la Motr Valley italiana

Emilia, la Motr Valley italiana

Un viaggio attraverso una terra ricca di tradizione motoristica, dove son onate, tra le altre la ferrari, la Lambirghini e la Ducati... ma non è tutto qui

 

mercoledì 18 aprile 2018 17:39

Un itinerario per chi ama la Regione con il più alto numero di fabbriche e siti di auto. L'Emilia Romagna racchiude una serie di marchi storici automobilistici che hanno fatto la storia.

Dalla Ferrari, a Maranello, alla Lamborghini a Sant'Agata Bolognese, alla Maserati a Modena. Un Tris amato nel mondo, in ogni latitudine e longitudine. Non solo ma c'è anche l'autodromo di Imola che più volte ha ospitato Gran Premi  di Formula 1. Poi la pista di Fiorano dove le monoposto Rosse di F1 inanellano giri su giri. Tutto si svolge lungo l'autostrada A1 con piccole diramazioni sull'A14. Non ci si può perdere.

Da dove iniziare il viaggio in auto? Ovviamente da Bologna, nella città delle tagliatelle e dei tortellini: da questa città tutte le strade portano a casa Ferrari, ma anche a Modena, a Sant'Agata Bolognese e ad Imola.

Emilia, la Motr Valley italiana

Raggiungere Bologna con la Frecciarossa, la prima tappa: Poi si abbassa la bandiera a scacchi alla ricerca di emozioni con la propria auto in un distretto motoristico che attrae appassionati da tutto il mondo, dall'Australia e dal Giappone, dagli Usa, dall'Asia, dall'Europa, da dovunque. Il rombo dei motori in Emilia Romagna è un mito, una fede. Buon viaggio. Sedetevi al volante della propria auto, naturalmente, senza perdere  di visitare il Museo Ferrari, il Museo della casa di Enzo Ferrari, il Museo Lamborghini, ma anche quello di Ferruccio Lamborghini. In quei localo, in quei saloni il top delle auto che hanno fatto la storia. Roba da restare ad occhi aperti. Buon viaggio. 


Visitare Bologna

Il capoluogo dell'Emilia figura al quarto posto fra le città più visitate in Italia dopo Venezia, Roma e Milano. Il quadrilatero è il cuore del centro storico di Bologna. 

Come arrivarci
In treno con i veloci Frecciarossa o Frecciabianca o con i regionali veloci di Trenitalia. In aereo all'aeroporto Marconi da dove con un bus si raggiunge la stazione centrale, biglietto 6 euro. In bus da ogni parte d'Italia. Taxi (051372727).

Da vedere
Le botteghe e i bistrot nei vicoli medievali, il Museo Civico Archeologico, la Fontana del Nettuno, la Basilica di San Petronio, il palazzo dell'Archiginnasio, Piazza Maggiore, le Torri Garisenda e
degli Asinelli, l'Orto Botanico universitario, Eataly  Fico (parco agroalimentare più grande del mondo, via Paolo Canali 8, bus dalla stazione ferroviaria).

Dove dormire

Royal Hotel Carlton, Grand Hotel Majestic già Baglioni, Starhotels Excelsior, Hotel Fiera, NH Bologna de la Gare, Suite Hotel Elite, Mercure Bologna centro, Novotel Bologna Fiere, Hotel Bologna Airport, Una Hotel Bologna, Zanhotel Europa.

Dove mangiare
Ristorante Diana,  Bitone, L'Osteria Bottega, Lo Scacco Matto, I Portici, Noir, Leoni, Trattoria da Leonida, Trattoria Osteria Buca Manzoni, Antica Trattoria del Reno, Al Pappagallo, Trattoria Anna Maria, Trattoria Leonida, Taverna del Postiglione, A Balus, I Carracci, Al Cambio, Garganelli, L'Arcimboldo, Bistrò Domino, Bentivegna, Trattoria Nonna Rosa.

Visitare Imola
Uno dei punti principali della città è legata allo sport. E’ il tempio della Formula 1, in molti vengono per visitare il monumento dedicato a Senna. Il parco delle Acque Minerali è rinomato per le proprietà sulfuree dei bagni.

Come arrivarci
Da Bologna in treno,  in auto sull’A14, sull’autostrada Adriatica. O in bus partendo dall’Autostazione zona Montagnola-Stazione Ferroviaria.

Da vedere
La Rocca Sforzesca in pieno centro cittadino dove è ospitata una collezione di ceramiche e una raccolta di armi, il Bosco della Frattona e il Parco Tozzoni.

Dove dormire
Corte di Maggio,  3 km dall’uscita Imola, Giardino Segreto, Callegherie 21.

Dove mangiare
Acciuga, Boschetto Osteria, Gallo dal 1905, Insolito, Osteria del Tempo Perso, Voglia Matta.

Modena
La città dei motori ha numerose attrattive prevalentemente incentrate sul marchio prestigioso della Ferrari,  su quello della Maserati e della Lamborghini,  ma si avvale anche di un centro storico ben
strutturato, della fama di una ottima e gustosa cucina e della preparazione dell’aceto balsamico tradizionale (ABTM) e del parmigiano e delle ciliegie di Vignola dalla polpa consistente e croccante, buccia dal colore rosso brillante.

Come arrivarci
In autostrada sulla A1, sulla A14, con uscite dedicate, in treno con i Freccia Rossa e Freccia Argento  da Milano o da Roma, con i Regionali Veloci di Trenitalia.  In bus in partenza dall’Autostazione di Bologna o da ogni altra città italiana.

Cosa vedere
La sede della Ferrari a Maranello,  la pista di Fiorano, il Museo Enzo Ferrari a Modena e quello a Maranello  entrambi permettono di vivere in prima persona il sogno del Cavallino Rampante,  un viaggio unico e coinvolgente attraverso le vetture che hanno fatto la storia dell’automobilismo sulle piste e sulle strade di tutto il mondo, le due Mostre che raccontano lo sviluppo ingegneristico di Ferrari nella sua storia e la celebrazione dei 70 anni di storia, la sede della Maserati,  il Museo Lamborghini, a Sant’Agata Bolognese, e quello di Ferruccio Lamborghini ma anche Formigine.  Città che era molto amata da De Tomaso.

Dove dormire
Canalgrande Hotel, Una Hotel, Villetta Villa d’Oro, Emilia Suite Relax, Hotel Fini,  Best Western Premier Milano Palace Hotel, Hotel Daunia, Emilia Suite Design, Mansion Tabacchi, Il Fonticolo Room & Breakfast.

Dove mangiare 
In primo piano, tortellino, tortelloni, tagliatelle, passatelli, lasagne, cotechino, zampone, gnocco fritto,  blasone della tradizione Ghirlandinese, cicciolitigelle, culatello, fiocchetto, mortadella, torta di tagliatelle, torta Barozzi. Osteria Francescana, Ristorante Antica Moka,  Strada Facendo, Hosteria Giusti, 8 Brooklyn, Ristorante Vinicio, La Quercia di Rosa, Ristorante Europa 92, Trattoria il Fantino, Ristorante da Danilo, Trattoria Aldina 

Articoli correlati

Commenti