Saloni

Vedi Tutte
Saloni

Bosch, a Las Vegas l'auto trova parcheggio da sola

Bosch, a Las Vegas l'auto trova parcheggio da sola

Il colosso della tecnologia tedesco presenta al CES 2018 un nuovo sistema: basta lasciare l'auto davanti al parcheggio e la vettura trova posto da sola

Sullo stesso argomento

 Pasquale Di Santillo

venerdì 5 gennaio 2018 11:28

Las Vegas, meglio, CES, ovvero casa Bosch: parcheggi facili, autonomi, nuovo assistente vocale fino all’Internet delle Cose per le chiamate di emergenza. Mentre rileva il 5% di HERE Technologies, il fornitore di mappatura digitale e localizzazione (per ampliare i servizi di database, insieme alle mappe HD imprescindibili strumenti per la guida autonoma), ecco la pianificazione dello sbarco in grande stile della multinazionale tedesca in quello che di fatto è il suo territorio privilegiato. Ovvero l’innovazione nel campo della tecnologia applicata alle auto (e non solo) per la realizzazione delle Smart Cities di oggi e domani.

Intanto, i parcheggi. Connessi, autonomi, incentrati sul sistema Community Based Parking che trova da solo gli spazi liberi e disponibili nelle misure necessarie, grazie a speciali sensori a bordo in grado di trasmettere le info in tempo reale attraverso il Cloud ad una mappa dove l’utente si orienta per rintracciare il prezioso spazio del desiderio, indispensabile nei centri storici.

Come se non bastasse, Bosch fa in modo che trovare un posto per la vettura sia un’esperienza autonoma, indipendente dalla presenza del conducente. Il cliente, infatti, può lasciare la macchina all’ingresso del parcheggio perché il veicolo interagisce con l’infrastruttura parcheggio, attraverso un’apposita app sullo smartphone.

Il dialogo infrastruttura-veicolo interviene grazie ad un software on board che consente anche il ritiro della vettura senza bisogno di assistenza umana, con tanto di pagamento di ticket. La tecnologia di Bosch diventa praticamente umana con l’ultima novità in tema di assistente vocale che di fatto diventa passeggero multilingue.

Si aboliscono i pulsanti nell’abitacolo e così il conducente può rimanere concentrato sulla guida semplicemente dialogando con questa forma di intelligenza artificiale avanzata che parla lingue di 30 Paesi, compresi accenti e dialetti, comprende e risponde anche quando è offline, in galleria e non c’è copertura di linea sullo smartphone…

A completare il pacchetto Bosch a Las Vegas, l’IOT (Internet of Things, delle cose), con la spiegazione delle sue tre fondamentali S - software, sensori e servizi - che arriva alla creazione di nuovi servizi, come l’ecall del brand tedesco. Che in caso di incidente con scoppio di airbag, fa scattare in automatico la chiamata di emergenza e in assenza di risposta manda - anche questo in automatico - immediatamente i soccorsi dove il GPS ha localizzato la vettura. Qui Las Vegas, ovvero CES, Casa Bosch.

Articoli correlati

Commenti