Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Speciale

Vedi Tutte
Speciale

Nissan Juke Nismo a Roma: la prova Capitale

Animo sportivo per non dire corsaiolo e l'aspetto di un SUV: Nissn Juke Nismo alle prese con le strade di Roma

 

martedì 9 giugno 2015 10:10

Fuori sportiva, dentro racing. Avevamo già ammirato la nuova Nissan Juke Nismo RS ai vari saloni, ma la fugacità dell'assaggio non aveva permesso di gustarne pienamente tutti i sapori. E il primo fattore che balza all'occhio quando si sale a bordo è che l'abitacolo non è assolutamente quello di un SUV bensì di una piccola macchina da corsa. Esternamente  gli spoiler, il diffusore posteriore, gli scarichi cromati e i cerchi da 18 pollici suggeriscono una certa verve, ma una volta a bordo ci si sente avvolti da una civettuola ambizione corsaiola. Sedili racing Recaro, volante multifunzione in pelle e Alcantara con paddles integrati e quadro strumenti rosso Nismo ti fanno immediatamente venir voglia di "schiacciare" per sentire galoppare i 214 cavalli erogati dal motore 1.6 sovralimentato. 

Ma la vita di tutti i giorni non è in pista: come si comporta la Juke più cattiva di sempre alle prese con il caos di Roma? Prima di tutto impostiamo la trazione su 2WD: scelta intelligente, quella di poter scegliere, perché in città le quattro ruote motrici sono superflue e così abbiamo la possibilità di consumare meno. Si parte e il feeling è subito positivo: sterzo precisissimo, assetto sportivo e dimensioni compatte (414 cm di lunghezza per 190 di larghezza) consentono slalom perfetti e grande piacevolezza di guida, sensazione aumentata anche dalla comodità del cambio automatico Xtronic a otto rapporti. La tecnologia poi dà una grande mano: se la visibilità posteriore non è perfetta poco importa, telecamera e around view monitor consentono di effettuare le manovre di parcheggio in scioltezza.

Lo spazio è ben sfruttato e si viaggia piuttosto comodi anche in quattro , avendo comunque a disposizione un bel bagagliaio da 372 litri. Lasciamo la città alle nostre spalle per spingere un po' sull'acceleratore: affondando il piede il motore eroga un sound appagante e la ripresa ci fa dimenticare per un attimo di essere alla guida di un SUV. Per scattare da 0 a 100 bastano 7.4 secondi e la ripresa esalta: 4.5" per passare da 80 a 120 orari. Insomma i sorpassi non sono certo un problema. Nel misto poi si apprezzano tenuta di strada e stabilità, ottenute grazie a un assetto veramente azzeccato. Certo, una guida un po' allegra e la trazione integrale inserita fanno leggermente aumentare i consumi, ma ne vale la pena: si scende con un piacevole appetito d'asfalto, ripromettendosi di portarla in pista (o sullo sterrato) alla prima occasione.

Per Approfondire

Commenti